Una nuova fondazione per salvare l'accoglienza. Lucano: «Melissa come Riace»

VIDEO | Il progetto “È Stato il Vento” presentato a Caulonia per consentire al sindaco sospeso di essere presente: «Preoccupato per l’odio dilagante nel Paese»

di Ilario  Balì
sabato 12 gennaio 2019
13:11
199 condivisioni
I relatori del progetto
I relatori del progetto

Garantire la ripresa dei progetti di accoglienza di Riace. È questo lo scopo della Fondazione “È Stato il Vento” che ha illustrato stamane in conferenza stampa obiettivi e strategie. Il progetto è stato presentato a Caulonia, per consentire al sindaco sospeso Mimmo Lucano di essere presente.

In questi mesi grazie all’apporto di associazioni e grazie all’impegno di Recosol, del medico Felicetta Parisi, di Padre Alex Zanotelli è stato possibile costruire una vera task force operativa che intende mettere le basi per una ripartenza a Riace. Dopo l’arresto di Lucano e il successivo divieto di dimora tutta la comunità riacese ha visto i progetti di accoglienza e tutte le attività collaterali via via spegnersi. Da qui l’idea di una Fondazione come strumento operativo in grado di sostenere l’avvio dei nuovi progetti per il rilancio di Riace.

«Riace vuole giustizia – ha tuonato Lucano – Sono preoccupato per l’odio dilagante che sta invadendo il nostro paese. L’episodio di Torre Melissa conferma la capacità della Calabria di non rimanere indifferente davanti ai drammi. Ed è un po’ quello che è successo a Riace quando tutto è iniziato 20 anni fa in modo spontaneo: una nave carica di profughi è arrivata fin sulla spiaggia della frazione marina e tutta la comunità ha soccorso e offerto accoglienza ai migranti in cerca di una terra migliore, di una vita diversa e di una vita lontana dalle violenze o dalle guerre. È lì che Riace ha cominciato a costruire e a dare vitalità ad un progetto di comunità».


«Oggi - ha concluso - nonostante tutto quello che è successo in questi ultimi mesi, vogliamo ricostruire quel progetto di comunità, di accoglienza e di integrazione. Spero, comunque, di poter un giorno ritornare a Riace».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Ilario  Balì
Giornalista
Trentatre anni, giornalista con una laurea in Scienze della Comunicazione conseguita presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Sin da ragazzo il suo interesse è stato rivolto al giornalismo e alla comunicazione. A fine 2004 ha sostenuto il tirocinio universitario presso l’ufficio stampa del Comune di Reggio Calabria. Il contatto con un quotidiano vero e proprio nel 2006, da collaboratore con Calabria Ora (poi L'Ora della Calabria). La collaborazione si è intensificata dal 2010 fino alla chiusura (giugno 2014), periodo nel corso del quale alla normale attività di collaboratore è seguita quella di redattore. Da settembre 2015 a maggio 2016 ha collaborato come pagellista per la testata calciomercato.it. Da ottobre 2016 a maggio 2017 ha ricoperto l’incarico di redattore nel quotidiano regionale Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: