L'imprenditore si ribellò al pizzo e li denunciò, condannati anche in secondo grado

Sostanzioso sconto di pena per Musarella, Caracciolo e Neri. Minacciarono gli operai: «Bisogna mettersi in regola. Dovete andare a parlare ad Archi o qui non si lavora più»

di Consolato Minniti
sabato 14 ottobre 2017
12:49
Condividi

Sono sostanziose le riduzioni di pena per i tre imputati di estorsione nei confronti di un noto imprenditore della città di Reggio Calabria. La Corte d’Appello, infatti, ha condannato Sebastiano Musarella a 7 anni di reclusione. L’uomo, difeso dall’avvocato Lorenzo Gatto e ritenuto dagli inquirenti persona di fiducia del boss Giovanni De Stefano “il principe”, in primo grado aveva rimediato una pena pari a dieci anni e otto mesi. Passa a sette anni la condanna anche nei confronti di Fortunato Caracciolo (in primo grado 10 anni). Sei, invece, sono gli anni di reclusione inflitti a Domenico Neri (in primo grado 9 anni).

La tentata estorsione in centro città

Tutti e tre, fra il settembre e l’ottobre 2015, si erano presentati all’interno di un cantiere, dove si stavano effettuando lavori di ristrutturazione di un immobile in centro città. Senza troppi giri di parole pretesero il pagamento della cosiddetta “tassa ambientale”, spendendo il nome della cosca De Stefano, forse convinti che quel cognome avrebbe indotto l’imprenditore a sottostare alla richiesta. Tuttavia, il noto professionista reggino, che da poco aveva acquistato quel palazzo e lo stava ristrutturando, non ha ceduto alle richieste, sebbene queste siano state reiterate nel tempo. Fra il mese di settembre e ottobre del 2015, in effetti, secondo quanto appurato dalla Dda di Reggio Calabria, Musarella e i suoi accoliti si recarono più volte all’interno del cantiere, proferendo minacce nei confronti degli operati presenti. Il “ritornello” era sempre il medesimo: mettetevi in regola. Che nel linguaggio mafioso significa pagare la tassa alla cosca di turno per evitare che vi possano essere ritorsioni come attentati e danneggiamenti. Ma davanti alla resistenza del proprietario dell’immobile, i tre non hanno disdegnato di ricorrere alle maniere – secondo loro – più convincenti: così hanno intimato al capocantiere di andare a parlare direttamente ad Archi perché «se oggi stesso non va a parlare, da domani non lavora più nessuno qua, anzi voi operai non vi azzardate a presentarvi in cantiere».

La collaborazione con la giustizia

Tutti tentativi vani quelli dei tre malviventi. L’imprenditore, infatti, non ha ceduto di un millimetro e, già dopo il primo episodio, si è recato in Procura per denunciare tutto quanto. Ciò ha consentito agli uomini della Squadra mobile di predisporre dei servizi mirati, nonché attingere alle testimonianze degli operai presenti sul cantiere. Da qui gli arresti e successivamente il processo di primo grado. Nei giorni scorsi la decisione della Corte d’Appello che ha ridotto le condanne, pur confermando la loro responsabilità in ordine agli episodi contestati.

 

Consolato Minniti

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Consolato Minniti
Giornalista
Consolato Minniti nasce a Reggio Calabria nel 1983. Sin da bambino mostra la sua passione per il giornalismo, rubando la macchina da scrivere alla mamma, per passare intere ore a imprimere sui fogli bianchi i suoi primi articoli “a colonne”.   La seconda guerra di ‘ndrangheta, vissuta negli anni dell’infanzia, lo porta a confrontarsi sin da subito con la piaga della criminalità organizzata. Durante uno dei tanti agguati, riesce a portarsi in salvo appena in tempo con la sua famiglia, prima che la scarica di piombo finisca una delle vittime predestinate, proprio davanti all’uscio di casa sua. È per questo che le letture approdano presto ai quotidiani locali e nazionali.   Inizia a collaborare a 19 anni con “Il Domani”, ma è nel 2006 che avvia la sua prima vera esperienza giornalistica di livello con il quotidiano “Calabria ora”. Dapprima collaboratore per la città di Reggio Calabria, un anno dopo diviene redattore ordinario e avvia il percorso che lo vede protagonista sino ad oggi, ossia quello riguardante la cronaca nera e giudiziaria. È quello il settore al quale decide di dedicarsi, consapevole del fondamentale ruolo giocato dal giornalismo d’inchiesta nel contrasto alla ‘ndrangheta.   Nel 2012 viene nominato caposervizio della redazione di Reggio per “Calabria ora”, ruolo che conserva sino alla chiusura del quotidiano nel frattempo divenuto “L’Ora della Calabria”. Nel 2014 approda al “Garantista”, sempre con la qualifica di caposervizio. Collabora con testate nazionali quali “L’Espresso” e “L’Avvenire”.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: