Liquami nel Crati, rinvio a giudizio per i sei indagati di Cloaca Maxima

Si tratta del direttore e di cinque operai dell'impianto di depurazione di contrada Coda di volpe a Rende. Secondo l'accusa scaricavano nel fiume i fanghi senza sottoporli a completo ciclo di depurazione

di Salvatore Bruno
sabato 13 luglio 2019
07:26
11 condivisioni

Sono state rinviate a giudizio le sei persone indagate per reati ambientali, nell’ambito dell’inchiesta Cloaca Maxima, condotta dalla Procura di Cosenza e scaturita dalle presunte irregolarità nella gestione dell’impianto di depurazione consortile di Contrada Coda di Volpe a Rende.

Liquami sversati senza trattamento

Secondo l’accusa, i liquami provenienti dagli impianti fognari dei comuni consorziati, venivano trattati soltanto parzialmente, prima di essere scaricati nel Crati, alterando l’ecosistema e la composizione fisica e batteriologica del fiume. 141 gli sversamenti illeciti documentati dai carabinieri forestali, cui i magistrati avevano delegato le indagini. In caso di ispezione, poi, attraverso un bypass, si procedeva al ripristino del ciclo di depurazione per superare i controlli. Alla sbarra finiranno il direttore dell’impianto Vincenzo Cerrone, e cinque operai: Dionigi Fiorita, Giovanni Provenzano, Annunziato Tenuta, Rosario Volpentesta e Eugenio Valentini.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: