Bufera di neve imbianca la costa tirrenica e regala uno spettacolo inedito

FOTO-VIDEO| Colpite maggiormente le cittadine di Praia a Mare e Scalea. In queste tutta la Calabria fa i conti con una nuova ondata di gelo che ha portato un brusco calo delle temperature 

di Francesca  Lagatta
sabato 23 febbraio 2019
10:44
1263 condivisioni
Neve sulla costa tirrenica
Neve sulla costa tirrenica

Questa mattina la costa tirrenica ha assistito a uno spettacolo decisamente insolito. Da Tortora a scendere in giù, lungo il litorale, grossi fiocchi di neve hanno imbiancato le cittadine che affacciano sul mare, in particolar modo Praia a Mare e Scalea. Un evento così duraturo non si era mai visto. Per oltre un'ora i cristalli di ghiaccio hanno trasformato l'alto Tirreno cosentino in una sorta di presepe vivente e gli utenti del web si sono affrettati a immortalare la scena. Nei numerosi video postati in rete si sentono le voci esterrefatte dei residenti, che raramente avevano assistito a una nevicata sulle loro teste e mai di queste proporzioni.

Colpa dei venti gelidi di Bora

Se in queste ore stiamo assistendo a eventi del genere anche a bassa quota, è per l'arrivo nel Bel Paese dei venti gelidi provenienti dalla zona del centro Europa. Le regioni interessate da maltempo e burrasche saranno prevalentemente quelle del sud Italia, con un'alta concentrazione nelle province di Cosenza, Crotone e Catanzaro. «Attenzione alle possibili mareggiate a causa delle forti raffiche di vento che potranno superare i 100Kmh - è scritto sui siti specializzati in previsioni del meteo -. E attenzione anche alle temperature le quali, se queste zone, potranno calare di oltre 15°C rispetto ai giorni scorsi».

Per tirare fuori i costumi da bagno bisognerà dunque attendere, ma non troppo. Secondo gli esperti queste criticità dovrebbero segnare la fine del lungo inverno e già da domani la situazione dovrebbe migliorare. Dopodiché, tutto farebbe pensare a un imminente arrivo della primavera.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: