La Calabria ricorda Cartisano ma la strada in sua memoria è inagibile

VIDEO | Ventisei anni fa il sequestro e l'omicidio del fotografo, i cui resti vennero ritrovati  a Pietra Cappa in Aspromonte. L'appello della figlia Deborah: «Non si mortifichi quel luogo»

di Ilario  Balì
23 luglio 2019
11:20
12 condivisioni
Lollò Cartisano
Lollò Cartisano

Per ricordare Lollò Cartisano e tutte le vittime innocenti della 'ndrangheta anche quest’anno, come ogni 22 luglio, l’associazione antimafia Libera si è ritrovata a Bovalino nel ricordo del fotografo sequestrato nel 1993 e i cui resti sono stati ritrovati a Pietra Cappa. Stavolta però nessuna marcia in Aspromonte. Da qualche tempo la strada, franata in molti punti, non è più percorribile.

 

Nonostante le ripetute richieste all’Ente Parco da parte della famiglia il tratto di strada non è stato ripristinato e  la responsabilità di “accompagnare” le persone che, in cerca di memoria, muovono i loro passi lungo quel sentiero è diventato troppo oneroso. «Se la memoria è impegno, allora la Calabria deve certamente impegnarsi di più – ha espresso Deborah Cartisano, figlia di Lollò e anima di Libera - valorizzare e non mortificare un luogo che negli anni è stato percorso da centinaia di persone, le quali avevano la profonda convinzione che, attraversando l’Aspromonte, ci si riappropriarsi di un luogo meraviglioso, non più “covo dei sequestri” e dei summit della 'ndrangheta ma spazio di reale testimonianza ed impegno concreto». Il Comune di San Luca si sta impegnando a ripristinare una parte di sua competenza, ma non può farsi carico di tutto il percorso. «Auspichiamo – ha concluso Cartisano - che chi di dovere faccia il resto».

Per ricordare il sacrificio di Lollò è stata celebrata una messa nella casa che fu teatro del sequestro 26 anni fa. Ad officiarla il vescovo delal diocese di Locri-Gerace Francesco Oliva. «Che la nostra terra, bagnata da tanto sangue, possa guardare con più fiducia al futuro – ha espresso il presule nel corso della sua omelia - conservando la memoria, affinchè ciò che è accaduto non accada mai più».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Ilario  Balì
Giornalista
Trentatre anni, giornalista con una laurea in Scienze della Comunicazione conseguita presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Sin da ragazzo il suo interesse è stato rivolto al giornalismo e alla comunicazione. A fine 2004 ha sostenuto il tirocinio universitario presso l’ufficio stampa del Comune di Reggio Calabria. Il contatto con un quotidiano vero e proprio nel 2006, da collaboratore con Calabria Ora (poi L'Ora della Calabria). La collaborazione si è intensificata dal 2010 fino alla chiusura (giugno 2014), periodo nel corso del quale alla normale attività di collaboratore è seguita quella di redattore. Da settembre 2015 a maggio 2016 ha collaborato come pagellista per la testata calciomercato.it. Da ottobre 2016 a maggio 2017 ha ricoperto l’incarico di redattore nel quotidiano regionale Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio