Belvedere Marittimo, il gruppo Ora denuncia: «I soliti incarichi ai soliti noti»

Secondo i componenti della minoranza, l'amministrazione Granata in due giorni avrebbe affidato due importanti incarichi allo stesso professionista, senza rispettare la norma di rotazione e avvicendamento 

di Francesca  Lagatta
sabato 24 novembre 2018
16:59
39 condivisioni
Enrico Granato
Enrico Granato

«Ancora una volta, come accaduto in passato, siamo costretti a prendere atto che la trasparenza, che dovrebbe caratterizzare l’azione di tutte le pubbliche amministrazioni nel rispetto di regole non arbitrarie, non clientelari in modo da consentire a tutti i professionisti la parità di condizioni, è un principio, un modo di fare, disconosciuto al Sindaco Granata & co.». È quanto affermano in una nota stampa i componenti del gruppo consiliare Ora di Belvedere Marittimo.

«Al tema degli incarichi a professionisti per la redazione di progetti, esecuzione, collaudo delle opere pubbliche e/o di fattibilità tecnica dei lavori pubblici - proseguono - da sempre il gruppo Ora ha dedicato molta attenzione, denunciando sugli organi di stampa gli abusi più volte perpetrati dall'amministrazione, presentando anche una interrogazione consiliare al Sindaco, invitando l’Amministrazione Granata alla pubblicazione sul sito istituzionale del Comune dell'elenco dei professionisti abilitati. Invito, inutile dirlo, disatteso».

 

Due incarichi in due giorni

«Ci chiediamo come sia possibile che un professionista vicino ad alte cariche della maggioranza - dichiarano ancora -, ottenga in due giorni due importanti incarichi senza rispettare quel criterio di rotazione e di avvicendamento così come previsto dal nostro Regolamento comunale».

Secondo il gruppo di minoranza, lo stesso professionista incaricato per la redazione del documento di fattibilità tecnica ed economica del progetto “realizzazione reti fognarie e collettamento delle zone non servite all’impianto di depurazione” avrebbe consegnato «per strani casi del destino» gli elaborati tecnici agli uffici comunali il 29 ottobre scorso, il giorno prima di ricevere l’incarico, «che gli viene affidato, invece, con Determina dirigenziale n.418 in data 30.10.2018».

 

I dubbi sul concorso

Per il sindaco Enrico Granata e i suoi sono giorni di affanno. Ad accusarli di presunti favoritismi, non ci sono solo gli oppositori politici, ma anche un cittadino, Antonello Pettinato, che si è rivolto direttamente alla Procura della Repubblica di Paola presentando un esposto dettagliato.

Il cittadino belvederese fa riferimento alla selezione pubblica per un posto di “operaio idraulico saldatore servizio idrico addetto mansioni del servizio idrico” e “terminalista collaboratore addetto a mansioni del servizio demografico”, che presenterebbe diverse controversie, a partire dalla qualifica dei componenti della commissione giudicante sino alla procedura d'espletamento dello stesso concorso.

La nostra redazione se n'è occupata rivelando la vicenda in anteprima.

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream