Autobomba a Limbadi, interrogatorio fiume per mamma Rosaria - VIDEO

Sentita per sette ore dal pm dell’Antimafia Andrea Mancuso che mantiene il massimo riserbo sulle indagini che continuano serrate per fare luce sull’attentato che ha ucciso Matteo Vinci

di Cristina Iannuzzi
17 aprile 2018
13:48
39 condivisioni

Il pm Andrea Mancuso ha lasciato il comando dei carabinieri di Vibo Valentia mantenendo il più rigido riserbo al termine di sette ore d’interrogatorio a cui è stata sottoposta Rosaria Scarpulla, la madre di Matteo Vinci, il biologo 42enne ucciso da un’autobomba a Limbadi il 9 aprile scorso. Il maggiore Valerio Palmieri accoglie mamma Sara alle 10.50. Esce solo alle 20 di sera. È stanca, ma i suoi occhi, spenti dalle lacrime sin dall’immane tragedia finita sulle prime pagine dei giornali italiani, c’è una nuova luce, la luce della speranza: «È andata bene, sentiamo l'appoggio delle forze dell'ordine e questo ci spinge ad andare avanti ancora più agguerriti».


Sette ore d’interrogatorio, piene, intense, la gran parte delle quali spese a ricostruire le controversie per i confini dei rispettivi terreni con quei vicini dai cognomi così pesanti, i Di Grillo-Mancuso. Mostra fiducia nello Stato e nelle istituzioni, nel procuratore Gratteri e nel suo sostituto, nei carabinieri del colonnello Magro. In uno Stato che nel Vibonese ha deciso, finalmente, di creare uno spartiacque con il passato: che ascolta, che non abbandona. Ad attendere Rosaria Scarpulla, per l’intera giornata, la promessa sposa di Matteo, Laura Sorbara e il loro avvocato, che ha avuto ampie rassicurazioni anche dal prefetto di Vibo Valentia Guido Longo in ordine alla loro sicurezza.

 

LEGGI ANCHE:

Striscioni, fiori e lacrime in memoria di Matteo Vinci - VIDEO

#iosonomatteo, fiaccolata a Limbadi per ricordare il 42enne ucciso - VIDEO

Autobomba a Limbadi, reperti inviati ai Ris di Messina

Autobomba a Limbadi, mamma Rosaria: «Il sangue di mio figlio chiede giustizia» - VIDEO

L’autobomba che non ha fatto rumore e il silenzio della Calabria

«Matteo venga riconosciuto vittima di mafia» - VIDEO

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Cristina Iannuzzi
Giornalista
Cristina Iannuzzi è nata a Castrovillari (Cs) il 05/10/1977.Vive a Vibo Valentia dal 1992. E' cresciuta  a pane e televisione. La sua attività inizia sin dagli anni giovanili a Rete Kalabria, prima come speaker, poi come conduttrice e successivamente come giornalista di cronaca e d'inchiesta.  Tra le sue trasmissioni di maggior successo figurano i reportage dalle zone alluvionate delle Marinate di Vibo Marina, dove è stata tra le prime ad arrivare e a lanciare le prime immagini e i  servizi sulla rivolta  degli extra comunitari di Rosarno. Negli anni he anche collaborato alla "Gazzetta del Sud" e ad alcuni  periodici locali. Le principali regole del suo lavoro quotidiano sul fronte dell'informazione sono  la ricerca delle verità e della notizia.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio