“Aemilia”, ritenuto il raccordo tra clan e politica: sequestrati beni

Sigilli a 10 milioni euro riconducibili ad Antonio Muto, 64enne originario di Cutro ma domiciliato a Reggio Emilia e attualmente detenuto

di Redazione
15 ottobre 2019
11:12
7 condivisioni

Beni mobili e immobili per un valore di 10 milioni di euro sono stati sequestrati ad Antonio Muto, 64enne originario di Cutro (Crotone) ma domiciliato a Reggio Emilia, attualmente detenuto. Il sequestro è stato eseguito dalla Dia di Bologna su provvedimento emesso dal tribunale bolognese su proposta del direttore della Dia, generale Giuseppe Governale. Il sequestro comprende 73 immobili, tra fabbricati e terreni che si trovano in Emilia-Romagna e Calabria, una società immobiliare e 13 auto, oltre a numerosi rapporti bancari. Antonio Muto, trasferitosi dal 1977 in provincia di Reggio Emilia dove ha svolto attività nel settore edile e immobiliare, è stato arrestato nel 2015 e condannato, con rito abbreviato, nel 2018 dal tribunale di Reggio Emilia a 12 anni di reclusione, poiché coinvolto nell'operazione 'Aemilia', insieme ad altre 202 persone, per "associazione mafiosa". Muto è ritenuto appartenente alla 'ndrangheta operante nel territorio di Reggio Emilia, Parma, Modena e Piacenza, storicamente legata alla cosca di Cutro, facente capo a Nicolino Grande Aracri. Il suo ruolo all'interno del contesto criminale di riferimento – scrivono gli inquirenti  - era quello di raccordo con pezzi della politica locale, sia per il rafforzamento e l'espansione economica del sodalizio, sia per l'influenza che la parte politica avrebbe potuto esercitare, al fine di contrastare le iniziative antimafia poste in essere dalle istituzioni.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio