Nove cuccioli abbandonati sotto il ponte di Pizzo, salvati

VIDEO | Sono stati soccorsi dal personale Anas. Verranno accolti in canile in attesa di trovare famiglie disposte ad adottarli 

di G. D.A.
18 ottobre 2019
12:16
457 condivisioni
Cuccioli salvati a Pizzo
Cuccioli salvati a Pizzo

«Piangevano come disperati, come bambini». È quanto hanno raccontato passanti e gli stessi uomini dell’Anas (guidati dal capo cantoniere Nicola Defina) che questa mattina, intervenuti nei pressi del ponte San Francesco, a Pizzo hanno salvato nove cuccioli di cane abbandonati in tre secchi. I piccoli, spaesati, versavano in precarie condizioni igieniche. Rischiavano di morire di stenti oppure, una volta liberi, di finire sotto qualche auto di passaggio.

La mobilitazione per soccorrerli è stata rapida. Sul posto sono giunti anche i carabinieri e la polizia. A filmare tutto, Gianfranco Schiavone presidente del comitato “Gente di mare”. Un cucciolo è stato adottato da una donna, intenerita dalla scena. Gli altri sono stati momentaneamente trasferiti nei locali del Comune di Pizzo. Verranno accolti in canile in attesa di una famiglia in grado di amarli per il resto della loro vita. Quello avvenuto nella città napitina è solo l’ennesimo atto di inciviltà perpetrato ai danni degli animali. Le mancate sterilizzazioni dei cani padronali e gli abbandoni di cucciolate sgradite alimentano il randagismo. Una piaga che continua a imperversare in ogni angolo della provincia vibonese e non solo.

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

G. D.A.
Giornalista
♠Ha conseguito la maturità classica presso il liceo classico “Michele Morelli” di Vibo Valentia. Nel 2013 ha acquisito la laurea in Scienze giuridiche, Facoltà Giurisprudenza, Università Cattolica del Sacro cuore in Milano. Giornalista pubblicista, dall’aprile 2013 ad oggi collabora come corrispondente con la testata giornalistica "Il Quotidiano del Sud". Parte integrante della manifestazione culturale "Festival Leggere&Scrivere" del Sistema bibliotecario vibonese; ha curato nel 2015 e 2016 l'ufficio stampa. Sempre nel 2015, addetto stampa nella manifestazione “Dieta Mediterranea, percorsi di consapevolezza del riconoscimento Unesco”, eventi in collaborazione con il Museo archeologico nazionale "Capialbi" di Vibo Valentia. Nelle prime due edizioni del "Festival per l'economia", aprile 2015 e 2016 a Vibo Valentia, ha ricoperto la carica di ufficio stampa. Nella sezione fotografia, nel giugno 2015 e nel giugno 2016, è stata scelta tra i finalisti del Premio internazionale "Art Contest". Si è occupata della comunicazione di alcune associazioni di volontariato del Vibonese. Tra queste l'associazione di psicologi e psichiatri "MiPiAci". 
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio