Spiagge di Calabria, le suggestioni della provincia di Catanzaro

Il cammino lungo gli 800 chilometri di coste ci porta oggi al centro della regione, tra sabbia bianca, mare turchese e sport

di A. S.
mercoledì 20 giugno 2018
12:27
45 condivisioni
Tramonto su Pietragrande
Tramonto su Pietragrande

Spiagge, sole, mare, sport e divertimento. L’estate si apre ufficialmente domani, ma noi continuiamo ad anticipare i tempi proseguendo il nostro tour per farvi conoscere i più bei litorali della nostra Calabria. Stavolta viaggeremo lungo le coste catanzaresi, alla scoperta di lidi noti e di altri meno noti ma altrettanto spettacolari.

 

La spiaggia di Copanello è sabbia bianca e una scogliera a picco sul mare dai riflessi smeraldini e turchesi. Posta al centro del Golfo di Squillace, confine orientale di quella fascia di terra che è l’istmo di Calabria e d’Italia (solo una trentina di chilometri la dividono dal Golfo di Sant’Eufemia sul Tirreno), la spiaggia è sormontata dallo sperone su cui sorge l’omonima frazione del comune di Stalettì. Intorno, fondali sabbiosi e rocciosi dove avventurarsi con maschera e boccaglio per ammirare le specie marine della Costa degli Aranci.

 

Poco più a mezzogiorno, sempre nel territorio di Stalettì, la spiaggia di Caminìa, uno dei punti più suggestivi dell’intera regione. Anche qui i fondali sabbiosi si intrecciano a quelli rocciosi lasciando ampio raggio di scelta ai visitatori attratti dalla natura incontaminata.
La sabbia bianca è un ampio tappeto di bellezza racchiuso tra due scogliere dove abbondano anche le grotte, altra attrattiva da non trascurare. Anche qui gli amanti di diving e snorkeling possono godere dell’ambiente ideale per divertirsi a contatto con la natura.

 

La spiaggia di Pietragrande sorge invece nel comune di Montauro. L’ambiente ricalca un po’ quello delle località limitrofe, per questo merita di essere visitato: mare limpido, sabbia bianca e scogli a pelo d’acqua la rendono comunque unica. A valorizzare il tutto la “pietra grande” che sorge a pochi metri dalla riva e da cui la località prende il nome.

 

Rotolando verso sud, sulle note della celebre canzone dei Negrita, incontriamo la capitale del divertimento estivo: Soverato. La spiaggia è molto ampia, ricca di stabilimenti balneari e di un lungomare ben attrezzato soprattutto per chi è in cerca di movida. Mare azzurro di giorno, musica e cocktail di notte, la spiaggia di Soverato è un punto di riferimento per tutta la regione. Qui, infatti, si riversano i giovani da ogni parte della punta dello Stivale.

 

A Sant'Andrea Apostolo dello Ionio, invece, una località poco conosciuta ai più ma dalla bellezza mozzafiato: la spiaggia Cupido. Un nome che ricorda il dio greco dell’amore e che ricalca un po’ la suggestione del luogo. La sabbia è anch’essa bianca, di un bagliore accecante, e crea un gioco cromatico che conferisce all’acqua del mare dei riflessi che percorrono le mille sfumature dell’azzurro. Zona incontaminata protetta dal Fai, il Fondo per l’ambiente italiano) in passato ha conosciuto anche la visita delle tartarughe Caretta-caretta che qui deponevano le uova.

 

Sul versante tirrenico della provincia, invece, troviamo una località famosa soprattutto per uno sport. Stiamo parlando della spiaggia di Gizzeria Lido, dove è possibile praticare il kitesurf. Qui, infatti, i venti spirano impetuosi per tutto l’anno favorendo le uscite con tavola e aquilone, tanto da permettere di disputare nel 2017 i Campionati europei e a luglio 2018 i mondiali.

 

LEGGI ANCHE:

Soverato
Soverato
Gizzeria
Gizzeria
Copanello
Copanello
Caminìa
Caminìa

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: