Cade la pioggia e la viabilità va in tilt. Cittadini esasperati: «Torrenti e tombini andrebbero ripuliti»

VIDEO | A Corigliano-Rossano succede che alla prima pioggia i disagi si moltiplicano, per fortuna senza fatali conseguenze. Ma tra allerte meteo, scarsa pulizia dei sistemi di raccolta delle acque e fiumi senza manutenzione anche un acquazzone fa tornare in mente il dramma dell’alluvione 2015

di Marco  Lefosse
lunedì 15 ottobre 2018
11:59
68 condivisioni

È vero che piove… «Ma torrenti e tombini dovrebbero essere ripuliti
A Corigliano-Rossano succede che alla prima pioggia i disagi si moltiplicano, per fortuna senza fatali conseguenze. Ma tra allerte meteo, scarsa manutenzione dei sistemi di raccolta delle acque e torrenti senza manutenzione anche un acquazzone fa ritornare in mente il dramma dell’alluvione 2015.


Piove e anche forte nell’Alto Jonio calabrese. Ieri, all’ora di pranzo, una bomba d’acqua si è rovesciata su Corigliano-Rossano mandando in tilt viabilità e sistema di raccolta acque. Non è stato un evento eccezionale eppure la grande città della Sibaritide per alcune ore è rimasta paralizzata. «Che aspettiamo che venga giù dal cielo un’altra alluvione come quella del 2015?» è il grido di rabbia dei cittadini delle zone marine che, ormai da tre anni, ad ogni scroscio d’acqua devono fare i conti con vere e proprie inondazioni delle loro case.

 

«Non funziona il sistema di raccolta delle acque»

«Il problema è che non funzionano più i sistemi di raccolta acqua», denunciano. Ed in realtà pare che proprio la fitta rete di canali sotterranei, quelli deputati allo smaltimento delle acque bianche, sono privi di manutenzione da oltre tre anni. Anzi, alcuni di essi sarebbero collassati proprio a seguito delle violente precipitazioni del 12 agosto del 2015e mai ripristinati. Dunque, non c’è più canalizzazione e quella che rimane è ostruita e non ce la fa a smaltire la portanza delle piogge. Ed è così che appena piove succede che i sottopassi si allagano, le strade si trasformano d’un tratto in torrenti, i tombini traboccano qualunque cosa, persino la fogna, e cassonetti dei rifiuti se ne vanno in giro galleggiando per le strade. E tutto questo perché manca manutenzione: ordinaria e straordinaria.

 


Quanto accaduto ieri – le cui immagini sono state raccolte dalla testimonianza diretta dei cittadini – è un campanello d’allarme, l’ennesimo rispetto ad un evento calamitoso di forte intensità che comunque potrebbe ripetersi e, questa volta, provocare danni ancora più ingenti rispetto al passato.

La quota degli alvei dei torrenti sono al di sopra degli argini

Per non parlare della condizioni di torrenti, fossi di scolo e fiumare. Una vera e propria bomba ad orologeria pronta ad esplodere. Gli alvei di tutti i corsi d’acqua del territorio corissanese, dal Coriglianeto al Trionto, passando per il Citrea, il Cino, il Fellino, il Coserie, il Celadi ed il Colagnati, continuano a rimanere, in molti tratti, ad una quota superiore rispetto agli argini. E tutto questo nell’indifferenza degli enti preposti al controllo e alla manutenzione.

 

L'allarme dei geologi

Per fortuna, in questi giorni, le violente precipitazioni non hanno colpito contemporaneamente le zone a monte e quelle a valle, altrimenti si sarebbe potuta verificare una catastrofe immane. Ed è questa, soprattutto, la preoccupazione dei geologi che nei mesi scorsi, attraverso le pagine di lacnews24.it (leggi anche qui) hanno denunciato le condizione precarie dell’assetto idrogeologico del territorio.

 

 

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Marco  Lefosse
Giornalista
Sono Marco Lefosse, classe 1982. Giornalista pubblicista dal 2011 e Idealista nel DNA. Appena diciottenne scrivo alcuni brevi contributi sulla nuova esperienza della giovane destra calabrese per Linea, il giornale di Fiamma Tricolore diretto da Pino Rauti, e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizio a muovere i passi nei quotidiani regionali. Il mio primo “contrattino” da collaboratore lo firmo con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 lascio il Quotidiano e accolgo con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia Cosentina di  Genevieve Makaping ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 arriva il primo vero contratto giornalistico con Calabria Ora. Un’esperienza bellissima che ha forgiato e ben temperato la mia penna. Con onore ho lavorato, ininterrottamente fino al fallimento di questo splendido progetto editoriale nel 2014, per raccontare sempre e a tutti i costi le verità della mia città e del territorio. Parallelamente all’esperienza di Calabria Ora, nel 2011, il neo Sindaco di Rossano, Giuseppe Antoniotti, mi vuole come consulente nello staff dei collaboratori di fiducia. Nel luglio  del 2013, insieme alla collega Giusj De Luca (oggi anche mia splendida compagna di vita), fondo la CMP Agency, una giovane realtà di consulenza per la comunicazione ed il marketing. E nel gennaio 2014 proprio alla CMP è affidato il servizio di Ufficio stampa e Comunicazione istituzionale del Comune di Rossano. Ad Ottobre dello stesso anno, come consulente, seguo la campagna elettorale regionale del candidato Giuseppe Graziano. Dal 2014, chiusa la lunga parentesi dell’informazione con Calabria Ora, insieme alla nuova realtà di CMP Agency mi occupo esclusivamente di comunicazione istituzionale/commerciale e di marketing. Da Aprile 2018 fa parte della meravigliosa famiglia di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese e della neonata Corigliano-Rossano terza città della Calabria.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: