La Calabria frana: sopralluogo della Protezione Civile nel Vibonese e nel Reggino

Il capo della Prociv, Carlo Tansi, sulla Joppolo-Coccorino dove ha registrato una situazione di altissimo pericolo. Serviranno almeno 10 mesi per la riapertura. Sotto controllo alcuni cedimenti a Palmi

di Alessio Bompasso
martedì 12 giugno 2018
10:08
10 condivisioni

Migliaia di massi pericolanti. Sospesi. In bilico. Senza reti o barriere che possano arrestarne la caduta. Come accaduto nel novembre scorso. Condizione che ha reso necessaria la chiusura al traffico dell’intera arteria. Una sorta di bomba ad orologeria fatta di macigni che possono uccidere. Ecco come ha sintetizzato la situazione rilevata il capo della Protezione Civile regionale, Carlo Tansi, insieme alla sua squadra sul posto per valutare tempi e modi di intervento per la messa in sicurezza di quella che avrebbe dovuto essere la “strada del mare” ma che ben presto si è trasformata in una trappola.

 

Ad aggravare la situazione la costruzione di una galleria. Un’opera inutile per la fruibilità dell’arteria ma, per il numero uno della Prociv, solo necessaria ad alcune logiche clientelari e criminali. Intanto la popolazione rumoreggia. Da mesi, ormai, si susseguono sit-in di protesta e mobilitazioni. Chiedono di uscire dall’isolamento che li ha messi letteralmente in ginocchio. Ma per la completa messa in sicurezza e la riapertura della strada del mare bisognerà attendere almeno altri dieci mesi. Dal Vibonese al Reggino, il tour di Carlo Tansi e la sua squadra è proseguito fino a Palmi dove due frane hanno fatto scattare l’allarme ma dove la situazione resta sotto controllo.

LEGGI ANCHE: Tansi sulla Joppolo-Coccorino: «Massi che possono uccidere» -VIDEO

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Alessio Bompasso
Giornalista
Alessio Bompasso è nato il 2 agosto del 1983 a Vibo Valentia. Da “grande” sognava di fare il giornalista ed entrare nelle case dei calabresi per raccontare le notizie giornaliere. Il sogno si è trasformato in realtà, approdando a Rete Kalabria (ora LaC) nel 2008. Il suo appeal da “normal person” lo rende tra i più apprezzati anchorman calabresi. Non ama prendersi troppo sul serio, ma quando si parla di sport si trasforma in una “macchina da guerra” (questo è il suo soprannome nell’ambiente). Sorriso smagliante e ritmo tambureggiante, le sue armi principali. Cocciuto e puntiglioso, i suoi difetti. Calcio e pallavolo, i suoi punti di forza ( ha  praticato entrambe le discipline ma non è mai stato un fenomeno, da li la scelta, più azzeccata, di raccontare lo sport attraverso le colonne di un quotidiano o le immagini della Tv). Ama le statistiche e nei suoi articoli non disdegna di inserirle qua e là. Dal 2013 è corrispondente sportivo, dalla provincia di Vibo Valentia, per la “Gazzetta del Sud”. Ha avuto il pregio e l’onore di ricevere parecchi riconoscimenti in giro per la Calabria, ma, il suo premio più importante lo ritira ogni giorno, entrando, in punta di piedi, nelle case dei calabresi. Come sognava di fare da “grande”. Mail: bompasso@lactv.it

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: