La Vibonese sfiora l’impresa contro la Cavese ma finisce 1-1

Al “Menti” di Castellamare di Stabia i ragazzi di Modica giocano bene, vanno in vantaggio al 35’ con Malberti e lambiscono anche il raddoppio. Vengono punti anche stavolta a fine gara

di Pietro Comito
8 settembre 2019
17:31
4 condivisioni
La Vibonese sfiora l’impresa contro la Cavese
La Vibonese sfiora l’impresa contro la Cavese

Impresa sfumata per la Vibonese al “Romeo Menti” di Castellamare di Stabia. Un gol di Malberti al 35’ del primo tempo, aveva illuso i rossoblù contro una Cavese che agguanta il pari al 90’ con Di Roberto. Per i ragazzi del presidente Caffo sarebbero stati tre punti di platino che avrebbero riscattato le due sconfitte consecutive (contro Monopoli, in trasferta, e Avellino, tra le mura amiche) nelle prime gare di campionato. Il punto conquistato non è certo da buttare, ma lascia l’amaro in bocca.

Mister Modica conta sul rientro dal primo minuto dell’asso Taurino. Che Bubas e compagni siano in palla lo dimostrano sin dai primi minuti. Prima è Taurino a vanificare a tu per tu con l’estremo campano. Poi è Pugliese che calcia addosso al portiere Bisogno, ancora una volta a due passi dalla porta. E’ la Vibonese a tenere in mano il pallino del gioco, mentre la Cavese è tutta in colpo di testa di El Ouazni, alla mezz’ora. La svolta della gara, quindi, al 35’: quando il difensore centrale Malberti gira in rete un corner di Taurino. Nel recupero la Vibonese gonfia di nuovo la rete, ma il direttore di gara ravvisa il fallo di mani di Rezzi e annulla.

La ripresa inizia senza mutamenti negli scacchieri delle due squadre. Dopo quattro giri di lancette è Russotto a rendersi pericoloso, che di testa non inquadra lo specchio della porta. Quando scocca l’ora di gioco è il neoentrato Del Col a sfiorare il raddoppio, si libera bene ba Bisogno sventa. La Vibonese contiene, gioca meglio e si rende pericolosa di nuovo con Rezzi. Il raddoppio non arriva, anzi. Al ’90 De Rosa tiene in gioco di testa la sfera, assist in mezzo e Di Roberto piazza all’angolo in cui Greco non può arrivare. Finisce così 1-1. Un punto comunque prezioso per i rossoblù, che però hanno solo da mordersi le mani.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Pietro Comito
Giornalista
Pietro Comito, che ha iniziato la propria carriera professionale a Rete Kalabria e Radio Onda Verde, è stato redattore del Quotidiano della Calabria dal 2002 al 2005, quindi dal 2006 al 2012 caposervizio di Calabria Ora, dove ha guidato le redazioni di Vibo Valentia, Reggio Calabria, Gioia Tauro, Siderno e Catanzaro. Dal 2012 al 2014 è stato nuovamente in servizio al Quotidiano, dove ha guidato, nella veste di caposervizio, la redazione di Vibo Valentia. Nel 2011 ha ritirato il Premio Agenda Rossa conferito ai giornalisti minacciati dalla 'ndrangheta. Sempre nel 2011 è stato insignito del Premio Paolo Borsellino. Ha pubblicato per la Newton Compton e per la Città del Sole Edizioni ed ha collaborato alla realizzazione del Dizionario enciclopedico delle mafie redatto da Castelvecchi Editore. Esperto di cronaca nera e giudiziaria, negli ultimi anni è stato tra i giornalisti calabresi più esposti nell'informazione sulla criminalità organizzata.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream