La Reggina espugna Monopoli e sogna la vetta della classifica

Due rigori consegnano ai ragazzi di Toscano  la prima vittoria esterna della stagione. Esordio per Denis e ancora gol per “Joker” Corazza

di Consolato Minniti
20 ottobre 2019
17:00
53 condivisioni
La vittoria della Reggina sul Monopoli
La vittoria della Reggina sul Monopoli

La Reggina trova la prima vittoria esterna in campionato e continua a rimanere imbattuta piazzandosi al primo posto in classifica, in attesa della sfida fra Catanzaro e Potenza. Sono due rigori a consentire di avere ragione di un Monopoli che non demerita, ma che non appare mai veramente in grado di mostrarsi forte tanto quanto gli amaranto.

Il match

Toscano sceglie di partire con Denis dal primo minuto, facendo accomodare Reginaldo in panchina. 

La Reggina parte subito forte e, nei primi minuti, obbliga il Monopoli a rimanere rintanato nella propria metà campo. Pressano forte i ragazzi di Toscano, anche se non riescono mai a concludere verso la porta avversaria. 

Il Monopoli lascia passare il primo quarto d’ora, poi inizia ad affacciarsi dalle parti di Guarna.

Al 25’ l’episodio che cambia le sorti del match. Corazza s’invola sulla fascia sinistra e, all’atto di crossare, viene falciato in area. Per l’arbitro è calcio di rigore. S’incarica della battuta il numero 10 Bellomo che realizza spiazzando Menegatti. Reggina in vantaggio e partita che si mette in discesa.

Tre minuti dopo, la replica del Monopoli che tenta di sorprendere Guarna che, però, alza in calcio d’angolo. Poco dopo la Reggina riparte forte con Garufo che vede respinto il gol del raddoppio. La legge del calcio è impietosa ed infatti, al 31’, Carriero sigla il gol del pareggio per il Monopoli con un grandissimo gesto tecnico: un tiro da fuori area su cui, probabilmente, Guarna avrebbe potuto fare qualcosa di più. Uno a uno e tutto da rifare per la Reggina. 

Il Monopoli prende coraggio. Ci provano ancora i padroni di casa ma, questa volta, il portiere amaranto smanaccia in calcio d’angolo. La prima frazione scivola via senza altre particolari emozioni e le due squadre vanno al riposo sul punteggio di uno a uno. 

Negli spogliatoi rimane Bellomo e fa spazio a Rivas. 

 

La ripresa

La ripresa si apre ancora una volta con un calcio di rigore, sempre procurato da Corazza su fallo di Giorno che viene ammonito. Il “Joker” amaranto si incarica della battuta e trasforma con grande freddezza spiazzando completamente il portiere del Monopoli. 

Toscano decide di cambiare ancora: fuori Denis e dentro Reginaldo. 

La risposta del Monopoli arriva al 57’ con Jefferson che, però, spara decisamente alto. Dieci minuti dopo i padroni di casa vanno vicini al gol, ma il fuorigioco ferma tutto. 

Al 70’ la Reggina cambia pelle: fuori Corazza per Doumbia e De Francesco per Bianchi. All’80’ il Monopoli va vicinissimo al pareggio con Cuppone. Il suo tiro viene bloccato in sicurezza da Guarna. Sul cambio di fronte la Reggina ha una buona opportunità, ma prima Reginaldo non controlla bene, poi Rolando si fa respingere il tiro. All’84 ottima azione amaranto, con Rivas che, però, conclude malamente al lato. 

A due minuti dalla fine regolamentare, Gasparetto, appena entrato, colpisce una traversa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. 

 

Vince la Reggina

In pieno recupero, il Monopoli trova una buona occasione su un calcio di punizione dal limite dell’area, ma la difesa amaranto fa buona guardia. 

Proprio in chiusura di gara incredibile ingenuità di Sounas che, per una protesta senza senso, al limite dell’area avversaria si fa espellere. 

La partita si chiude così, con la vittoria della Reggina che, anche se solo per qualche ora in maniera virtuale, si porta in testa alla classifica con la Ternana, in attesa della gara fra Catanzaro e Potenza. Per gli amaranto la certezza di essere, insieme a poche altre formazioni, una delle pretendenti più serie alla vittoria del girone C. Una vera corazzata quella messa su dal ds Taibi e che Mimmo Toscano sta plasmando a sua immagine. Vincente e determinata.  

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Consolato Minniti
Giornalista
Consolato Minniti nasce a Reggio Calabria nel 1983. Sin da bambino mostra la sua passione per il giornalismo, rubando la macchina da scrivere alla mamma, per passare intere ore a imprimere sui fogli bianchi i suoi primi articoli “a colonne”.   La seconda guerra di ‘ndrangheta, vissuta negli anni dell’infanzia, lo porta a confrontarsi sin da subito con la piaga della criminalità organizzata. Durante uno dei tanti agguati, riesce a portarsi in salvo appena in tempo con la sua famiglia, prima che la scarica di piombo finisca una delle vittime predestinate, proprio davanti all’uscio di casa sua. È per questo che le letture approdano presto ai quotidiani locali e nazionali.   Inizia a collaborare a 19 anni con “Il Domani”, ma è nel 2006 che avvia la sua prima vera esperienza giornalistica di livello con il quotidiano “Calabria ora”. Dapprima collaboratore per la città di Reggio Calabria, un anno dopo diviene redattore ordinario e avvia il percorso che lo vede protagonista sino ad oggi, ossia quello riguardante la cronaca nera e giudiziaria. È quello il settore al quale decide di dedicarsi, consapevole del fondamentale ruolo giocato dal giornalismo d’inchiesta nel contrasto alla ‘ndrangheta.   Nel 2012 viene nominato caposervizio della redazione di Reggio per “Calabria ora”, ruolo che conserva sino alla chiusura del quotidiano nel frattempo divenuto “L’Ora della Calabria”. Nel 2014 approda al “Garantista”, sempre con la qualifica di caposervizio. Collabora con testate nazionali quali “L’Espresso” e “L’Avvenire”.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio