Breakdance due calabresi nuovi tecnici della Federazione nazionale

Si tratta di Francesco Barbato di Cosenza e Francesco De Luca di San Lucido. Faranno conoscere la disciplina al territorio cosentino per poi estendersi a tutta la regione

26 novembre 2019
17:31
1331 condivisioni
Francesco Barbato e Francesco De Luca con Giuseppe Di Mauro (Commissario Tecnico della Nazionale di breaking FIDS) e Piercarlo Pilani (Presidente MIDAS)
Francesco Barbato e Francesco De Luca con Giuseppe Di Mauro (Commissario Tecnico della Nazionale di breaking FIDS) e Piercarlo Pilani (Presidente MIDAS)

La Fids (Federazione italiana danza sportiva), ente di promozione sportiva riconosciuto dal Coni, è l'unico ente scelto per occuparsi della Break dance in Italia e, di conseguenza, il presidente Michele Barbone e il vicepresidente Edilio Pagano insieme al coach Giuseppe Di Mauro, hanno deciso di formare dei tecnici abilitati alla preparazione dei futuri atleti. La Fids ha istituito un corso di formazione, durato quattro giorni (20-24 Novembre 2019) presso il Centro di preparazione olimpica di Formia, per conseguire il diploma di Tecnico federale di II livello. A superare l'esame con gran successo i due calabresi Francesco Barbato di Cosenza e Francesco De Luca di San Lucido (fondatore della crew “Compà Dreush”), gli unici due calabresi ad aver ricevuto questa abilitazione.

 

I due maestri si impegneranno nel proporre iniziative per far conoscere questa disciplina al territorio cosentino, per poi estendere a tutta la regione. Inoltre, avendo già allievi che frequentano questa attività da diversi anni, proporranno un percorso intensivo affiancati da specialisti che li formeranno fisicamente, tecnicamente e psicologicamente, per essere poi preparati ad affrontare un'eventuale competizione. Naturalmente i maestri sono consapevoli che da soli possono offrire ben poco rispetto ad una preparazione completa dei ragazzi per i fini agonistici, e quindi chiedono aiuto a tutte le persone specializzate in attività sportiva o di supporto ad essa (ad esempio nutrizionisti, preparatori atletici ecc ecc.), e alle amministrazioni pubbliche (per eventuali strutture e attrezzature utili) per dare il loro contributo alla formazione dei giovani “Bboy” calabresi. Questa potrebbe essere una grande opportunità per la Calabria a 360 gradi, dalla promozione del territorio alla formazione dei giovani, innalzando l'etichetta positiva e abbassando quella negativa che ci accompagna da anni. I due giovani calabresi hanno deciso di investire nel proprio territorio, invece di emigrare e cercare fortuna, fiduciosi del buon cuore e della testa dura dei compaesani, attendono la collaborazione da parte di tutto il territorio.

Compà  Dreush Crew

La break dance è nata nel Bronx, quando nei quartieri poveri iniziavano le jam session di hip-hop. Da allora, si è sempre più diffusa, fino ad arrivare alle Olimpiadi. La Compà Dreush è una crew composta da numerosi ragazzi provenienti da Cosenza e provincia e parte della Basilicata. Il gruppo è stato fondato da ragazzi che hanno voluto unire due culture differenti: quella calabrese e quella marocchina. "Compà" in dialetto calabrese è usato per definire un amico, un "fratello", mentre "Dreush" in dialetto marocchino indica persone "umili". Il nome quindi, tradotto è "I fratelli umili". Grazie alle competizioni di break dance a cui prendono parte ogni anno i Compà Dreush, il nome della Calabria viene sempre più riconosciuto a livello artistico in tutta la nazione.

 

Francesca Lagoteta

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio