La musica di Rino Gaetano rivive con Artù: è uscito “Ti voglio”

Ecco l'intervista al cantautore romano Artù che ha completato il brano inedito del cappellaio matto crotonese

di Giuseppe Laratta
giovedì 17 maggio 2018
15:51
27 condivisioni
Il cantautore romano Artù
Il cantautore romano Artù

E' uscito ufficialmente da qualche giorno un brano inedito di Rino Gaetano, dal titolo “Ti voglio”. Si tratta di un provino incompleto composto e registrato, ritrovato dalla sorella Anna, la quale ha affidato la composizione delle due strofe mancanti al cantautore romano Artù, al secolo Alessio Dari. La particolarità sta proprio nel timbro vocale di quest'ultimo, nonché nelle sue doti artistiche, che ricordano molto quello di Rino. Lo abbiamo intervistato per conoscere meglio la storia di questo inedito.

Com'è nata l'idea di fare uscire questo brano?

«Dopo il concerto del Primo Maggio due anni fa, Anna (la sorella di Rino n.d.r.) mi ha invitato al Rino Gaetano Day il 2 giugno; dopo un mesetto mi chiamò per farmi sentire una cosa. La raggiunsi e mi disse che c'era un brano di Rino incompleto, e mi chiese di cantarlo. Mi prese un colpo: siccome il brano non era finito, mancavano due strofe, mi chiese di completarlo. E li, mi prese un altro colpo. Mi diede il provin,o e per due-tre giorni non riuscii a scrivere niente, poiché ero completamente bloccato; ogni cosa che scrivevo mi sembrava, o troppo eccessiva, o troppo poco. Alla fine, non ragionai più con la testa, ma con la pancia, e scrissi il testo; glielo feci sentire e le piacque subito, tant'è che ci abbracciammo. Poi, con la Rino Gaetano Band, siamo entrati in studio per registrarlo. Ero e sono un grande fan di Rino, quindi pensa a come mi sono potuto sentire a lavorare su un suo brano».

 

Nel finale si sente proprio la sua voce originale del provino...


«In pratica è stato ritrovato il provino registrato con la sua band, si sente tutto il testo, poi due parti in cui lui canta “lalala”, poiché probabilmente il testo doveva ancora completarlo; li ho inserito le mie parti. Principalmente, essendo una canzone d'amore, ho pensato a una donna mentre scrivevo, a questo amore che non finiva mai; invece, quando l'ho riletto, mi sono accorto che avevo scritto i versi per Rino, sentendo un botta e risposta tra me e lui».

 

Cosa rappresenta Rino Gaetano nella tua formazione artistica?


«Mi ha influenzato molto. Ascolto tutto il cantautorato degli anni '70, i vari De Gregori, Dalla, Battisti, però Rino Gaetano è stato uno squarcio su tutto. Ho iniziato ad ascoltarlo tardi rispetto a tutti gli altri, lo conoscevo solo per “Gianna” e “Ma il cielo è sempre più blu”; quando, poi, ho iniziato ad ascoltarlo meglio, più a fondo, mi ha devastato. E la grandezza di Rino sta nei brani meno conosciuti».



Indubbiamente hai un timbro che lo ricorda molto...


«Non volevo fare il cantante, e quindi non ho tecnica. Grido, cerco di essere intonato, ed è forse questo quello che si avvicina di più al mondo di Rino».

Hai un suo disco/brano preferito, mettendo da parte quelli più conosciuti?


«”I miei sogni d'anarchia”. E' una delle canzoni più belle che ha scritto, la metto sul podio della musica italiana. All'interno c'è tutto: c'è l'amore, la rivoluzione, c'è il '68, i dischi, la passione, la lotta. C'è tutto Rino».

 

Adesso ti aspetta un tour, immagino...


«Con la Rino Gaetano Band suoneremo a Roma il 2 giugno in occasione del “Rino Gaetano Day”, dove suoneremo “Ti voglio”; il 25 maggio uscirà il mio disco e successivamente partirà il tour che toccherà tutta Italia».

 

Crotone rientrerà in questo tour?


«Spero di venirci e suonare “Ti voglio”, magari proprio in piazza Rino Gaetano. Ne approfitto per fare un appello a qualche promoter che organizzi un concerto proprio a Crotone. Ho date tra la Puglia e la Sicilia, ma la Calabria ancora nulla. Ci sono stato un sacco di volte ed è bellissima. Spero veramente di venirci a fare un concerto nella piazzetta di Rino».

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Giuseppe Laratta
Giornalista
Giornalista pubblicista dal 2015, inizia a muovere i primi passi a 16 anni approdando a Radio Studio 97, emittente radiofonica a copertura provinciale, in qualità di regista, speaker e dj, con una collaborazione durata dal 2004 al 2017. Nel 2011, grazie a un tirocinio universitario, inizia un percorso con l'Arteria Music Label, etichetta discografica indipendente di Bologna, dove cura la parte social, i contatti con gli artisti, e la redazione di articoli promozionali delle produzioni musicali. Nel gennaio del 2013, dopo la parentesi universitaria, rientra nella sua Crotone dove intraprende l'attività giornalistica a Esperia Tv, emittente televisiva a copertura regionale, per due anni, nei quali ottiene il patentino di giornalista pubblicista, iscrivendosi all'apposito albo nel luglio del 2015. Nel 2016 cura i rapporti con la stampa per il candidato e futuro sindaco pitagorico Ugo Pugliese; nello stesso anno inizia a collaborare con le testate locali CrotoneOk e il Rossoblu – conclusa a dicembre 2017 – e con Il Quotidiano del Sud, che continua ancora. Nel gennaio 2018 entra a far parte della redazione di LaC News 24 come corrispondente da Crotone e provincia. Ha una grande passione per la musica, la lettura, e suona il pianoforte dall'età di 14 anni.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: