Cosenza, Moda Movie conclude in eleganza la 23esima edizione del festival

Ad aggiudicarsi il primo premio il duo siciliano Vinci e Miccichè. Applausi per i meravigliosi abiti di Lorenzo Riva

di Redazione
giovedì 13 giugno 2019
15:22
7 condivisioni

Si è conclusa in eleganza la 23esima edizione di Moda Movie, evento dedicato alla moda, che anche quest’anno non ha deluso le aspettative di tanti appassionati.

Guest star della serata, al teatro Rendano di Cosenza i meravigliosi abiti della collezione L’Or di Lorenzo Riva, che hanno impreziosito la premiazione dei vincitori del concorso per fashion designer, che da anni fa di Cosenza, per qualche giorno, la capitale della moda italiana. La sfilata delle creazioni di Lorenzo Riva è stata il coronamento di una serata improntata sulla sobrietà, condotta con verve da Nino Graziano Luca, Valeria Oppenheimer e Claudia Andreatti.


Grandi nomi dell’Alta Moda sono giunti in Calabria grazie al progetto dell’associazione Creazione e Immagine: da Addy van den Krommenaker a Raffaella Curiel, da Giada Curti a Sabrina Persechino, e ancora Cangiari, Nino Lettieri, Tony Ward e tanti altri.

I vincitori 

Ad aggiudicarsi il premio Moda Movie 2019 il duo siciliano composto da Chiara Vinci e Maria Francesca Miccichè; al secondo e terzo posto Alessandra Pucci, di Acri, ed Eralda Muca, di Vercelli. Il premio della giuria Junior è invece andato a Salvatore Scardina, giovane stilista palermitano.
Durante la kermesse sono stati inoltre assegnati il Press Award alla giornalista del Sole 24 Ore Chiara Beghelli, lo Special Award all’esperto di comunicazione Antonio Gallo e il premio Jacqueline al direttore di ottoetrenta.it Fiorenza Gonzales. All’azienda Amarelli di Rossano il premio Cultura e Imprenditoria, ritirato dall’amministratore delegato Fortunato Amarelli.


Hanno calcato il palcoscenico del teatro Rendano anche l’attrice Jennifer Mischiati, la storica dell’arte Alessandra Cesselon, l’imprenditrice di moda Ino Mantilla, lo stilista Mauro Gala, il dirigente della Soprintenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio Marco Pagano, il direttore vendite Kemon Giovanni Barbieri, il prefetto di Cosenza Paola Galeone, l’assessore regionale alla Cultura Maria Francesca Corigliano, l’assessore comunale al Marketing territoriale Rosaria Succurro e il presidente dell’Asit Rachele Celebre. Apprezzata l’esibizione delle danzatrici Anna Chiara Gallo e Valentina Militano della compagnia Balletto di Calabria.


I premi di Moda Movie 2019 sono stati realizzati da Silvio Vigliaturo, Orafi Perri, Tonino Gallo e Pierluigi Morimanno.
La serata dedicata alla moda è stata preceduta dall’Evento Cinema, al Modernissimo di Cosenza, durante il quale sono stati assegnati i riconoscimenti ai partecipanti del concorso per giovani registi, novità di questa edizione.

Trofeo Moda Movie Cinema 


Ad aggiudicarsi il trofeo Moda Movie Cinema il cortometraggio “Desula”, di Andrea Pecora, seguito da “Ricami digitali”, di Viola Piccinini, e da “’Na cosa semplice-Il canto di Gilda”, di Danilo Amato. Il premio Cultura Arberëshe è stato invece assegnato ad Arber Agalliu per il documentario “Arbëria viva”.
Durante la serata dedicata alla settima arte, presentata da Valeria Oppenheimer, è stato inoltre consegnato il premio Cinema 2019 allo scenografo Giuliano Pannuti; importante riconoscimento che negli anni è andato, fra gli altri, all’attore Fabrizio Ferracane, ai registi Italo Moscati e Fabio Mollo, al musicista Paolo Vivaldi e alla costumista Daniela Ciancio. Ospiti dell’evento Cinema l’attrice Jennifer Mischiati, il regista Alessandro Grande, il presidente di Calabria Film Commission Giuseppe Citrigno, il produttore Nicola Rovito e l’ideatore di CineIncontriamoci Mattia Scaramuzzo. Riconoscimento alla memoria all’amico di Moda Movie Giacomo Battaglia, ritirato dalla sorella. Momento musicale a cura dell’organettista Antonio Grosso.

Moda e formazione 


Ma Moda Movie è anche formazione e i finalisti dei contest 2019 hanno avuto l’opportunità di seguire i workshop e il convegno tenutisi negli spazi del chiostro di S. Domenico. Relatori di questa due giorni di approfondimento sono stati Adriano D’Aloia, docente di Cinema, fotografia e televisione all’Università degli Studi della Campania, le ricercatrici in Filosofia della comunicazione e dello spettacolo all’Unical Simona Busni e Caterina Martino, la giornalista Fiorenza Gonzales, la storica dell’arte Alessandra Cesselon, l’esperta in Culture e tecniche del costume e della moda Monica Lamanna e la fashion buyer Maria Beatrice Zagarese. Al convegno, dedicato alla cultura arberëshe, hanno relazionato Demetrio Guzzardi, promotore di Editoriale Progetto 2000, e monsignor Papas Pietro Lanza, vicario generale dell’Eparchia di Lungro.


Soddisfatto per la riuscita della manifestazione il patron di Moda Movie Sante Orrico, pronto a raccogliere nuove sfide a promozione del talento e del territorio.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: