Cosenza, il Festival dell’Antico ospita il cantautore Roberto Vecchioni

La rassegna di eventi e manifestazioni, in programma al Museo dei Brettii e degli Enotri, abbraccia l’arte in tutte le sue forme con l’obiettivo di riscoprire il valore dell’antico

di Redazione
15 luglio 2019
15:36
352 condivisioni
Roberto Vecchioni
Roberto Vecchioni

Si aprirà mercoledì 17 luglio alle ore 10 al Museo dei Brettii e degli Enotri di Cosenza la prima edizione del Festival dell’Antico in Calabria, cuore della Magna Grecia, alla presenza dell’assessore regionale alla cultura Maria Francesca Corigliano e del sindaco di Cosenza Mario Occhiuto. La rassegna di eventi e manifestazioni abbraccia l’arte in tutte le sue forme con l’obiettivo di riscoprire il valore dell’antico, anche attraverso nuove modalità di comunicazione, fruizione e gestione delle sue testimonianze materiali. Il festival, che vede la direzione scientifica e artistica di Stefania Mancuso, è realizzato dalla società Omniarch, attiva nella valorizzazione del patrimonio culturale, ed è cofinanziato dalla Regione Calabria. La manifestazione si articola in tre giorni (dal 17 al 19 luglio) con un palinsesto di appuntamenti che spazia dai seminari sulla divulgazione dell’Antico alle presentazioni di libri, dalle mostre agli spettacoli teatrali, dalla musica ai laboratori per bambini.

 

«Questo appuntamento rappresenta una delle tante possibilità di valorizzare l’Antico – afferma la Mancuso – in una terra che deve fare del suo patrimonio culturale, ed in particolare di quello archeologico, un punto di forza nelle strategie di sviluppo in termini di formazione, ricerca, valorizzazione, produzione di attività culturali e, naturalmente, opportunità di sbocchi professionali. In questa prima edizione particolare attenzione è stata dedicata alla comunicazione grazie alla collaborazione con Cinzia Dal Maso di Archeostorie. L’arte di comunicare l’arte».

 

 Ospite d’eccezione il “cantore” Roberto Vecchioni che si esibirà il 18 luglio alle ore 21, accompagnato da Massimo Germini e Lucio Fabbri, in un percorso tra musica e parole. Il professore della musica italiana, attraverso la sua attività artistica, ha da sempre mostrato particolare attenzione, sensibilità e passione per gli studi classici, anche attraverso la contaminazione tra musica e letteratura. Il suo ultimo album, “L’infinito” – Disco D’Oro con oltre 25.000 copie vendute in due mesi senza piattaforma streaming e download –, contiene il brano “Vai, ragazzo”, un invito rivolto proprio ai più giovani a riscoprire la grande attualità dell’Antico da approfondire e conoscere attraverso gli studi classici. Partner istituzionali: la Regione Calabria e il Comune di Cosenza, in collaborazione con Archeostorie. L’arte di comunicare l’arte, DM Produzioni, Studio Catino&Giglio, Museion e Museo dei Brettii e degli Enotri.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio