Sanità, Abramo chiede al M5s di fare luce sulle “bugie” del decreto Calabria

Secondo il sindaco di Catanzaro le parole dell’ex commissario Scura devono essere prese in seria considerazione: «Il ministro dia risposte. I dati sono stati falsati ad arte per decidere le nomine?»

di R. G.
martedì 21 maggio 2019
13:14
10 condivisioni

«Ho letto con molta attenzione la lettera aperta che l’ex commissario per l’attuazione del Piano di rientro nella sanità calabrese Massimo Scura ha scritto ai parlamentari espressione della nostra regione. Non mi ha certamente sorpreso la schiettezza, tutta da apprezzare, con cui Scura ha bollato il Decreto Calabria ritenendolo “fondato su tre bugie”. Ritengo che le parole dell’ex commissario, proprio perché si tratta di vicende che conosce da molto vicino, debbano essere prese in seria considerazione. Ed è per questo motivo che chiedo ai parlamentari calabresi, e in particolare a quelli a Cinquestelle, che fanno parte dello stesso movimento del ministro alla Salute, di chiarire cosa hanno da dire sul tema». Così in una nota il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo dopo che l'ex commissario ha chiesto in una lettera aperta ai parlamentari calabresi di non convertire il decreto Calabria.  «I parlamentari spieghino ai sindaci, che sono le massime autorità sanitarie sul territorio, ma soprattutto ai cittadini, cosa abbia spinto il governo a varare il Decreto Calabria». 

«E questo perché i dati più recenti, come per esempio i Lea relativi all’anno 2018, certificati dalla stessa Regione, hanno superato il valore di 161 sotto il quale era lecito attendersi misure correttive: se l’attivazione dei livelli essenziali di assistenza ha rispettato i parametri previsti dalla legge è chiaro che viene meno una delle condizioni ritenute fondamentali per il varo del Decreto Calabria. Sarebbe poi molto grave - prosegue il primo cittadino - se trovasse conferma l’affermazione di Scura sul ritardo con cui le aziende del comparto avrebbero inviato al ministero della Salute i flussi relativi ad alcuni servizi sanitari degli anni scorsi. Le domande poste dall’ex commissario, e cioè se l’abbiano fatto in maniera dolosa, sono assolutamente legittime».

 

E ancora, Abramo conclude soffermandosi sugli altri dati evidenziati da Scura riguardo il disavanzo e la mobilità extra-regionale: «Preferisco sorvolare sul fatto che l’ex commissario abbia giustamente ricordato come Oliverio, ai tanti tavoli dei contenziosi con altre Regioni, non si sia mai visto, ma soprattutto sarebbe il caso che i parlamentari di maggioranza, magari confrontandosi col proprio ministro, spazzassero via i dubbi anche su questi aspetti che poggiano, è bene ricordarlo, su numeri messi nero su bianco. Non vorrei che Scura avesse ragione quando sostiene che il Decreto è solo “una camicia di forza” costruita ad arte per applicare sulle poltrone la targhetta del governo».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

R. G.
Giornalista
Rossella Galati è nata a Catanzaro nell'estate del 1983. Avvocato e giornalista.   Inizia la sua carriera nel mondo dell'informazione nel 2006. Ha lavorato per diverse emittenti televisive regionali quali Telespazio Tv, dove ha lanciato e condotto numerose trasmissioni ed è stata volto del tg, Teleuropa Network, Esperia Tv, iTv.   È stata corrispondente per il quotidiano Calabria Ora, per il mensile Kalabrians e dal 2008 è direttore responsabile della rivista Liber@mente. Negli anni ha ricoperto il ruolo di addetto stampa per diversi e importanti eventi culturali.   Impegnata nel sociale, è stata responsabile del gruppo giovani Avis della Provincia di Catanzaro. Nel 2008 ha ricevuto a Bovalino il "Pericle d'oro per il giornalismo".   È una apprezzata presentatrice di eventi su tutto il territorio regionale.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: