Cotticelli ha cambiato le carte in tavola. Ecco perché Mauro lascia l'Asp di Cosenza

Un decreto del nuovo commissario alla Sanità annulla le decisioni di Scura e rivoluziona l'organizzazione su base territoriale dei servizi dell'Azienda sanitaria provinciale, innescando nuove dinamiche nel rilascio delle autorizzazioni per l'esercizio delle attività sociosanitarie nei vari distretti. È questo che ha convinto il dirigente a gettare la spugna

di Salvatore Bruno
venerdì 8 febbraio 2019
23:00
301 condivisioni

Si gioca sulla sottile ma determinante differenza di significato attribuito all’espressione ambito territoriale, la partita della sanità cosentina. E su una sequenza di tre decreti emessi dalla struttura commissariale per il piano di rientro: il n. 121 del 2017 e il n. 240 del 2018 vergati da Massimo Scura, e il n. 21 del 2019, sottoscritto dal generale Saverio Cotticelli, che sarebbe la causa delle dimissioni irrevocabili presentate dal commissario dell’Asp di Cosenza, Raffaele Mauro.

Competenze di Asp e distretti sanitari

Non è semplice districarsi nel complicato sistema normativo che regola il funzionamento della sanità calabrese. Il decreto 121 del 27 settembre 2017, firmato da Massimo Scura, è un provvedimento importante: detta le regole per il rilascio delle autorizzazioni, da parte dei Comuni, all’esercizio di nuove attività di tipo sanitario e sociosanitario. Si tratta di una materia piuttosto complessa. In particolare, il decreto recepisce il dettato della norma nazionale di riordino della disciplina sanitaria, contenuto nel Decreto Legislativo 502/92 che, all’articolo 8 ter, obbliga i comuni stessi, prima di concedere le autorizzazioni, ad attivare un procedimento amministrativo per ottenere, dal dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie della Regione, il rilascio del parere di compatibilità con la programmazione sanitaria regionale e con i fabbisogni del territorio. Il procedimento è avviato non solo per la costruzione di nuove strutture, ma anche per altre circostanze come, ad esempio, il trasferimento in altra sede di strutture già autorizzate o accreditate. Proprio sulla questione dei trasferimenti delle attività sanitarie in altra sede, il decreto 121 precisa che, per ambito territoriale, deve intendersi l’intero territorio sul quale ha competenza l’Asp. Nel caso di quella di Cosenza, si tratta dell’intera provincia.

La nuova interpretazione di Scura

Il decreto 240 del 6 dicembre 2018, adottato da Scura alla vigilia del suo commiato, introduce una nuova interpretazione dell’espressione ambito territoriale. E così, a rettifica del precedente provvedimento, questo nuovo decreto precisa che, per ambito territoriale, debba intendersi il territorio di ogni singolo Distretto Sanitario. Nel caso dell’Asp di Cosenza i distretti sono sei: Cosenza-Savuto, Valle Crati, Jonio Sud, Jonio Nord, Esaro-Pollino, Tirreno. Per cui, secondo questa nuova lettura, il rilascio delle autorizzazioni è rapportato ai fabbisogni non dell’intera provincia ma di queste sei micro aree. Quindi, tanto per fare un esempio, se tenendo conto dell’intero territorio provinciale, un certo numero di un certo tipo di strutture sanitarie non può essere concentrato tra Cosenza e Rende, quello stesso numero di un certo tipo di strutture sanitarie può avere le carte in regola per ottenere le autorizzazioni ad esercitare, in quanto Cosenza e Rende appartengono a due distretti sanitari differenti (Cosenza-Savuto e Valle Crati).

L'intervento a gamba tesa di Cotticelli

Ritenendo che tale interpretazione fosse illogica, se non addirittura contraria alla legge, poiché attribuirebbe ai distretti competenze di fatto maggiori rispetto a quelle in capo all’organismo superiore, ovvero le Asp, il nuovo Commissario ad acta Saverio Cotticelli, nominato dal ministro pentastellato Giulia Grillo, con il decreto n. 21 del 31 gennaio 2019, ha revocato il precedente decreto di Scura n. 240 del 6 dicembre 2018, restituendo all’espressione ambito territoriale la corrispondenza con il territorio dell’Asp, e quindi, per quanto concerne l’Azienda sanitaria di Cosenza, dell’intera provincia. Sarebbe l’assunzione di questo provvedimento con le sue conseguenze sul piano organizzativo, la causa delle dimissioni irrevocabili presentate da Raffaele Mauro: «Si cambiano ancora una volta le regole, per tre volte nell’arco di pochi mesi – ha dichiarato al nostro network – Tutto il percorso delle autorizzazioni viene rimesso in discussione con provvedimenti calati dall’alto. Questa mancanza di sinergie non ci consente di erogare i servizi necessari ai cittadini».

Decadono anche i referenti di Mauro

Le dimissioni di Raffaele Mauro dovrebbero produrre, quale immediata conseguenza, anche la decadenza del referente sanitario Elio Bozzo e del referente amministrativo Giovanni Lauricella, chiamati dallo stesso Mauro a far parte della sua struttura all'indomani della sua nomina a commissario dell'Asp di Cosenza.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: