Ospedale di Locri, per il sindaco c'è un «disegno criminoso per smantellarlo»

VIDEO | Calabrese in conferenza stampa sulla chiusura di Ortopedia ne ha per tutti: «Provvedimento mortificante». Azzarà (Uil): «A rischio la vita e la sicurezza dei cittadini»

di Ilario  Balì
giovedì 12 settembre 2019
14:24
130 condivisioni

«Dietro la chiusura del reparto di Ortopedia dell’ospedale di Locri c’è un progetto criminoso e un disegno politico chiaro». Non usa mezzi termini il sindaco Giovanni Calabrese nel corso della conferenza stampa convocata unitamente alla Uil nel giorno in cui entra in vigore il blocco dei ricoveri nel reparto disposto dai commissari dell’Asp reggina. Secondo il primo cittadino locrese «si tratta di un provvedimento che mortifica la popolazione di questo territorio e immotivato anche davanti ad una notevole carenza di medici». Il sindaco ha già chiesto ai commissari la sospensione del provvedimento annunciando una grande mobilitazione di massa per il mese di ottobre.

 

«Chiudere Ortopedia significa reato di abbandono di incapace e interruzione di pubblico servizio pericolosissima – ha tuonato il segretario provincial della Uil-Fpl Nuccio Azzarà – Si mette in gioco la vita e la sicurezza dell’intera collettività della Locride. Dove sono i politici che puntualmente vengono a chiedere i voti ai cittadini di Locri? Su quali basi si farà la campagna elettorale nella nostra provinciali?». Senza fare nomi Azzarà punta il dito contro i direttori sanitari e amministrativi che si sono alternati in questi anni ai vertici dell’Asp. «Lo scoglimento dell’azienda per infiltrazioni mafiose è arrivato dopo le nostre denunce – ha sottolineato – non ci siamo tirati indietro prima e non lo faremo neppure stavolta».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Ilario  Balì
Giornalista
Trentatre anni, giornalista con una laurea in Scienze della Comunicazione conseguita presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Sin da ragazzo il suo interesse è stato rivolto al giornalismo e alla comunicazione. A fine 2004 ha sostenuto il tirocinio universitario presso l’ufficio stampa del Comune di Reggio Calabria. Il contatto con un quotidiano vero e proprio nel 2006, da collaboratore con Calabria Ora (poi L'Ora della Calabria). La collaborazione si è intensificata dal 2010 fino alla chiusura (giugno 2014), periodo nel corso del quale alla normale attività di collaboratore è seguita quella di redattore. Da settembre 2015 a maggio 2016 ha collaborato come pagellista per la testata calciomercato.it. Da ottobre 2016 a maggio 2017 ha ricoperto l’incarico di redattore nel quotidiano regionale Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream