Costruzione ospedali a Sibari e Gioia Tauro, subentra una nuova impresa

La Cgil spera in una nuova fase e chiede un incontro alla Regione: «Bisogna recuperare il tempo perso»

di Redazione
1 luglio 2019
18:03
24 condivisioni

E' stata definita nei giorni scorsi la cessione del gruppo Tecnis, l'impresa titolare della concessione di costruzione e gestione dei nuovi ospedali di Sibari e della Piana di Gioia Tauro. L'aggiudicazione è andata all'impresa D'Agostino Angelo Antonio costruzioni generali Srl di Montefalcione (AV). Lo riferisce una nota stampa a firma del segretario Cgil Calabria, Angelo Sposato.

 

 

«Finalmente –si legge nel documento - dopo anni di forti preoccupazioni che ha visto mettere in discussione la realizzazione degli ospedali della Sibaritide e di Gioia Tauro, a causa prima di vicende giudiziarie e poi finanziarie dei grandi gruppi italiani tra cui Tecnis, vediamo la luce». La Tecnis si era aggiudicata sin dal 2011 la concessione per la costruzione e la gestione dei nuovi ospedali della Sibaritide e della Piana di Gioia Tauro. Ora con il subentro dell’impresa D’Agostino – continua il comunicato - si spera in una nuova fase: «Nei prossimi giorni come categoria insieme alla confederazione regionale chiederemo un incontro alla Regione Calabria e alla prefettura di Catanzaro per fare in modo che si attivi una interlocuzione stringente con il nuovo concessionario per condividere un cronoprogramma rigoroso sulla costruzione dei due nuovi ospedali, anche per dare gamba sia ai protocolli di legalità, sia alla contrattazione d’anticipo prevista dal Ccnl edile già sottoscritti, allo scopo di  recuperare il tempo perso in questi anni e per dare speranza ai tanti disoccupati edili calabresi».

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio