Catanzaro, Medicina perde la Scuola di specializzazione in Cardiochirurgia. Oliverio: «Atto gravissimo»

Il ministero dell'Istruzione d'intesa con quello della salute non ha accreditato la struttura di formazione dell'ateneo Magna Grecia

di L. C.
sabato 14 luglio 2018
09:54
557 condivisioni
Mario Oliverio
Mario Oliverio

Crolla un altro bastione della formazione universitaria catanzarese. Questa volta a cadere sotto la scure dei tagli ministeriali è la Scuola di Specializzazione di Cardiochirurgia della facoltà di Medicina dell’università Magna Grecia. Già l’anno scorso l’ampia offerta formativa composta da ben ventinove scuole era stata sfoltita con il mancato accreditamento della scuola di Ortopedia e quella di Microbiologia, che rimarranno inattive anche questo anno riducendo il numero di scuole da 29 a 26.

 

Contrarietà è stata espressa dal governatore Mario Oliverio: «È assai grave la decisione del ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca, condiviso con il ministero della Salute, di cancellare la specializzazione in Cardiochirurgia della facoltà di Medicina dell'università Magna Graecia di Catanzaro. E’ ancora più grave quanto accaduto se si considera che la Regione, per come già fatto loro scorso anno, ha finanziato a suo carico 10 borse di studio di specializzazione tra cui anche cardiochirurgia. Diventa ancora più incomprensibile la decisione del Miur se si considera che sempre lo stesso Ministero, con proprio provvedimento ha accreditato le diverse scuole di specializzazione tra cui quella di cardiochirurgia di Catanzaro. Una specializzazione di primissimo valore che trova in Calabria un’attività di primo livello, sia nel pubblico che nel privato accreditato, per una patologia in forte espansione. Una scelta quindi che non ha nessuna giustificazione. Le scuole di specializzazione – rimarca -  sono un punto di forza non soltanto per l'università in quanto tale ma sono uno strumento essenziale e indispensabile per il miglioramento del servizio sanitario calabrese. La Regione ha fatto e continua a fare la sua parte sino in fondo. Mi auguro che tutte le altre rappresentanze facciano altrettanto».

 

l.c.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

L. C.
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: