Marrelli Hospital, il futuro di 300 lavoratori appeso al tavolo del Ministero

VIDEO | Confronto nella sede del dicastero dello Sviluppo Economico tra il management della clinica crotonese, i sindacati, la Regione e il commissario al rientro sanitario Massimo Scura. Se dall'incontro non venissero notizie positive la struttura sarebbe destinata alla chiusura

di Giuseppe Laratta
martedì 16 ottobre 2018
14:05
1 condivisioni

Si gioca a Roma il futuro del Marrelli Hospital, la clinica privata crotonese del medico-imprenditore Massimo Marrelli. È iniziato nella tarda mattinata il tavolo convocato al Ministero dello Sviluppo Economico per cercare una soluzione che possa garantire l'erogazione ottimale di prestazioni a partire dal 2019: per l'anno in corso, il budget dal servizio sanitario regionale è già terminato mesi fa. Nonostante ciò ha continuato a servire i pazienti, ma il commissario al rientro sanitario Massimo Scura non ha inteso retribuire le prestazioni tramite l'Asp pitagorica.


Dopo tanti tira e molla, confronti accesi, occupazioni degli uffici a Catanzaro, due giorni di protesta a piazza Montecitorio, questa mattina è iniziato l'incontro, probabilmente, decisivo. Presenti, oltre al management della clinica, anche le sigle sindacali, Confindustria, la Regione Calabria, lo stesso commissario Scura, i parlamentari Ernesto Magorno ed Elisabetta Barbuto, nonché i lavoratori della struttura sanitaria che hanno inscenato una manifestazione sotto Palazzo Piacentini, sede del Mise.

«Auspichiamo che con oggi si possa scrivere la parola fine su questa annosa vicenda – ha dichiarato Massimo Marrelli prima di iniziare l'incontro romano – ci aspettiamo che venga riconosciuto alla sanità calabrese quello che si chiede; ci aspettiamo, anche alla luce del Consiglio dei Ministri che si è tenuto ieri sera, che Scura vada via. Non è l'uomo che può risolvere i problemi della sanità calabrese, ma è colui che in questi tre-quattro anni li ha creati. Ci aspettiamo che tutto si possa risolvere in bene».


La situazione è abbastanza critica e la protesta avviata da qualche settimana – ovvero quella di erogare prestazioni gratuite fino al 31 dicembre – ha segnato un solco importante
. Inoltre, i dipendenti delle aziende del gruppo imprenditoriale hanno scelto di donare parte dello stipendio, sempre fino a fine dicembre, ai colleghi del Marrelli Hospital. Se dal tavolo al Mise non dovessero uscire le risposte che la clinica chiede, il futuro sarà quasi certamente nero, e non si esclude la chiusura della struttura con tanto di licenziamento di oltre trecento unità lavorative.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Giuseppe Laratta
Giornalista
Giornalista pubblicista dal 2015, inizia a muovere i primi passi a 16 anni approdando a Radio Studio 97, emittente radiofonica a copertura provinciale, in qualità di regista, speaker e dj, con una collaborazione durata dal 2004 al 2017. Nel 2011, grazie a un tirocinio universitario, inizia un percorso con l'Arteria Music Label, etichetta discografica indipendente di Bologna, dove cura la parte social, i contatti con gli artisti, e la redazione di articoli promozionali delle produzioni musicali. Nel gennaio del 2013, dopo la parentesi universitaria, rientra nella sua Crotone dove intraprende l'attività giornalistica a Esperia Tv, emittente televisiva a copertura regionale, per due anni, nei quali ottiene il patentino di giornalista pubblicista, iscrivendosi all'apposito albo nel luglio del 2015. Nel 2016 cura i rapporti con la stampa per il candidato e futuro sindaco pitagorico Ugo Pugliese; nello stesso anno inizia a collaborare con le testate locali CrotoneOk e il Rossoblu – conclusa a dicembre 2017 – e con Il Quotidiano del Sud, che continua ancora. Nel gennaio 2018 entra a far parte della redazione di LaC News 24 come corrispondente da Crotone e provincia. Ha una grande passione per la musica, la lettura, e suona il pianoforte dall'età di 14 anni.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream