Pochi medici e reparti a rischio, all'ospedale di Locri «situazione disastrosa»

VIDEO | Personale in sofferenza in tutti i reparti. Il segretario Ui-Fpl Micheli: «Si stabilizzino i precari». il viceprefetto Raimondo: «Mantenere ed erogare servizi di qualità»

di Ilario  Balì
venerdì 26 luglio 2019
12:21
11 condivisioni

Nessun cambio di rotta. Nonostante l’azzeramento dei vertici dell’azienda sanitaria reggina e l’insediamento della commissione straordinaria, l’ospedale di Locri vive un momento di grande sofferenza. Le carenze di organico non sono state colmate, la situazione nei reparti sta diventando sempre più preoccupante, con medici e paramedici messi a dura prova da turni di lavoro disagevoli. E’ il caso della sezione di Ortopedia, con l’ipotesi chiusura sempre più concreta, e di Urologia, dove oltre a un personale ridotto ai minimi termini si lamenta la mancata apertura di posti letto. Al momento nel presidio di Oculistica operano soltanto due medici, mentre un po’ ovunque si ha necessità di reperire specialisti.

 

«Cotticelli si dia una mossa – ha tuonato Firmo Micheli della segreteria Ui-Fpl – soltanto con la stabilizzazione degli infermieri già presenti all’interno del nosocomio questa struttura potrà finalmente rifiatare».

Il delegato della triade commissariale in ospedale Sergio Raimondo, che la settimana prossima incontrerà i sindaci del territorio ostenta un cauto ottimismo e promette impegno per riorganizzare l’intero assetto sanitario del nosocomio locrese. «La commissione sta lavorando alacremente – ha affermato – per rimettere in sesto una situazione disastrosa, ma bisogna fare i conti con i bilanci. Da parte nostra tutto l’interesse a mantenere ed erogare servizi di qualità in campo sanitario».

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Ilario  Balì
Giornalista
Trentatre anni, giornalista con una laurea in Scienze della Comunicazione conseguita presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Sin da ragazzo il suo interesse è stato rivolto al giornalismo e alla comunicazione. A fine 2004 ha sostenuto il tirocinio universitario presso l’ufficio stampa del Comune di Reggio Calabria. Il contatto con un quotidiano vero e proprio nel 2006, da collaboratore con Calabria Ora (poi L'Ora della Calabria). La collaborazione si è intensificata dal 2010 fino alla chiusura (giugno 2014), periodo nel corso del quale alla normale attività di collaboratore è seguita quella di redattore. Da settembre 2015 a maggio 2016 ha collaborato come pagellista per la testata calciomercato.it. Da ottobre 2016 a maggio 2017 ha ricoperto l’incarico di redattore nel quotidiano regionale Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream