Integrazione Pugliese-Mater Domini a Catanzaro, Bova: «È tempo di risposte»

La proposta depositata in commissione Sanità al Consiglio regionale, ancora non è stata esaminata. Il processo d'integrazione è fermo al palo

di L. C.
sabato 4 agosto 2018
10:51
3 condivisioni

Un colpevole immobilismo nell’esaminare una proposta di legge, quella che farebbe da quadro normativo alla costituzione dell’azienda ospedaliera unica Pugliese-Mater Domini. È l’accusa che il consigliere regionale Arturo Bova muove alla commissione Sanità di Palazzo Campanella.

 

«Lo scorso 12 giugno ho spinto sull’acceleratore e ho depositato nella segreteria del Consiglio Regionale la proposta di legge n. 348. Da allora, però, la stessa è rimasta ferma, immobile, sulla scrivania del presidente della Commissione Sanità, Michelangelo Mirabello che, a tutt'oggi, non ha programmato la discussione. Ho scritto anche a lui, l’ho sentito telefonicamente più volte, e mi era stata assicurata l’imminente calendarizzazione del testo di legge. Cosa che, però ad oggi, non è mai avvenuta. Inspiegabilmente, direi. Perché – sottolinea Bova – non esiste alcuna plausibile ragione per non accelerare sulla integrazione delle due aziende ospedaliere. Catanzaro diventerebbe hub sanitario tra i più importanti del Sud Italia, Catanzaro avrebbe milioni e milioni di euro di contributi ministeriali per l’adeguamento delle strutture, Catanzaro avrebbe nuovi posti di lavoro in ambito sanitario. Senza considerare le potenzialità di incremento della qualità nell’offerta sanitaria che si tradurrà in un concreto beneficio per tutti i calabresi. Verrebbe meno solo qualche posto da primario e da vice primari».

 

«Mi auguro - e non voglio nemmeno pensare - che sia domino di poltrone a bloccare tutto in chissà quali stanze segrete. Il commissario Scura, il delegato del Presidente Oliverio, Franco Pacenza, il Rettore Giovambattista De Sarro, il dg del Pugliese Panella, gli altri consiglieri regionali, sanno bene – perché l'ho detto a voce alta e senza fare sconti a nessuno nel corso delle diverse riunioni avute nei mesi scorsi -, che qualcuno vuole giocare la partita su tavoli terzi, dove forse si fanno gli interessi delle lobby (segrete?) della sanità e non certo quelli della città capoluogo di regione, dei suoi cittadini e della Calabria intera».

 

«È tempo di dare risposte – conclude Bova –. È tempo che la maggioranza di cui faccio parte dia risposte alla città di Catanzaro. Si programmi la discussione della mia proposta di legge, si porti la discussione in aula. Il dibattito avverrà sotto gli occhi e il controllo costante dei calabresi tutti e della Sanità nazionale. Ove si attendesse ulteriormente, il caso sarà portato anche all'attenzione della Procura della Repubblica e della Corte dei Conti. Dopo 20 anni di tira e molla, di nulla di fatto, di affossamento della Sanità calabrese, qualcuno dovrà pur fare chiarezza e qualcuno sarà chiamato a rispondere in tutte le sedi dei danni fatti ai calabresi»

 

 

l.c.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

L. C.
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: