Cooking, comfort, care: le tre C della Dieta mediterranea contro i tumori

Nicotera è ormai internazionalmente riconosciuta come la città “faro nel mondo” per la buona nutrizione. La nuova campagna punta ad informare sull'importanza di un corretto stile di vita

di Redazione
giovedì 30 agosto 2018
20:38
11 condivisioni

L'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) e la Fondazione Aiom lancia la campagna Cooking, Comfort, Care con l'obiettivo di promuovere a 360 gradi una nuova e corretta dieta tra i pazienti oncologici e il resto della popolazione. La dieta mediterranea è considerata la più salutare e seguirla tutti i giorni riduce del 10 per cento la mortalità da cancro. Sul sito dell’Aiom (www.aiom.it) e sul sito della fondazione, verranno pubblicare informazioni sulla dieta mediterranea e sulla dieta dei malati di cancro.

 

Sarà prevista una forte attività  sui social media e la distribuzione di materiale informativo su tutto il territorio nazionale. Il modello di dieta mediterranea di riferimento ampiamente supportato scientificamente è quello che ha avuto origine dagli studi svolti a Nicotera, città che viene considerata la capitale della dieta mediterranea, “faro nel mondo” per la buona nutrizione. La Seven Countries Study, uno straordinario gruppo di scienziati ha testimoniato che la dieta mediterranea è indispensabile e si deve valorizzare l’unico modello scientificamente codificato, quello di Nicotera.

 

Sono state ideate alcune speciali ricette per piatti gustosi e adatti sia al malato con tumore del pancreas che alla sua famiglia. Secondo l'Aiom, «le cattive abitudini alimentari sono sempre più diffuse nel nostro paese. Il 42 per cento degli italiani è in eccesso di peso, più del 10 per cento addirittura obeso. Solo un adulto su dieci invece mangia tutti i giorni le cinque porzioni di frutta e verdura raccomandate dagli esperti. E l'alimentazione riveste un ruolo sempre più importante anche per chi sta affrontando gravi e insidiose neoplasie. Problemi di malnutrizione e conseguente perdita di peso interessano tuttavia ben sette pazienti su dieci con tumore del pancreas.

 

Da qui l'esigenza di promuovere una dieta adeguata e anche gustosa per questa particolare categoria di malati. «Negli ultimi 30 anni la ricerca medico-scientifica si è concentrata sullo studio dei collegamenti tra nutrizione e malattie oncologiche", afferma Stefania Gori, presidente nazionale dell'Aiom. «È stimato che un terzo di tutte le neoplasie - continua - sono riconducibili alle nostre abitudini alimentari. La dieta è considerata l'unico fattore in grado sia di prevenire che di favorire l'insorgenza dei tumori. Con la nuova campagna vogliamo far capire, a tutti gli italiani, che il cancro si vince giocando d'anticipo. E lo si può affrontare meglio anche prestando molta attenzione a cosa e quanto si mangia tutti i giorni».

 

LEGGI ANCHE:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: