Catanzaro, concorsi all'Asp: Sapia (M5s) chiede la revoca

Il deputato pentastellato ha puntato il dito contro presunte irregolartà che si sarebbero verificate nella formazione della commissione

di L. C.
24 luglio 2018
12:16
11 condivisioni

Chiede la revoca dei due concorsi espletati di recente dall’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro il deputato del Movimento 5 Stelle Francesco Sapia, componente della commissione Sanità alla Camera. Il pentastellato ha fatto sapere in una nota di aver inviato una diffida al direttore generale, Giuseppe Perri, chiedendo che i due concorsi pubblici uno per dirigente amministrativo, l'altro per avvocato, vengano ripetuti e «con commissioni regolarmente costituite in cui non sussistano condizioni di incompatibilità e/o inopportunità».

 

La diffida, che in caso di reticenza del dg Perri diventerà, per quanto precisato dal deputato 5stelle, «un esposto alla magistratura penale e contabile», è stata trasmessa per opportuna conoscenza al ministro della Salute, Giulia Grillo. Nello specifico, circa il concorso per dirigente amministrativo Sapia ha rilevato che un «dirigente regionale risulta essere componente di commissione in quanto subentrato, in qualità di supplente, al componente titolare dimessosi il giorno antecedente la prima prova». Nella sua diffida, Sapia ha evidenziato: «La sostituzione, da parte della Regione, essendo il componente dimesso di nomina regionale, è stata formalizzata solo dopo l’effettuazione della prova scritta, surrettiziamente rendendo da titolare la posizione del supplente. Pertanto, in considerazione delle modalità e della cronologia non regolari della composizione della commissione di concorso non sussistevano i termini minimi per potere eventualmente sollevare questioni di incompatibilità o inopportunità dei componenti».

 

«La coniuge del riferito supplente – ha aggiunto il parlamentare 5stelle – ha partecipato al concorso per dirigente avvocato svoltosi, quasi in contemporanea, presso l'Asp di Catanzaro. Per norma il presidente di commissione era in entrambi i casi il direttore amministrativo, che pertanto si trovava in commissione con il predetto componente nel concorso a dirigente amministrativo. La pubblicazione dei risultati della prova orale non è stata effettuata regolarmente, dal momento che la semplice dicitura “idoneo/non idoneo” non consente di conoscere i singoli punteggi, ergo il giudizio effettuato ovvero la motivazione di ogni provvedimento/atto amministrativo». «Ciò che si manifesta, però, clamorosamente illegittimo è – ha scritto Sapia nella diffida a Perri – che a sette giorni dalla conclusione delle prove non ne erano noti gli esiti, laddove, per legge, al termine dell’ultima prova la commissione esegue la somma dei punteggi riportati e nell'immediatezza pubblica sul sito aziendale la relativa graduatoria».

 

l.c.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

L. C.
Giornalista

Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio