La sanità calabrese è in coma, ecco l'ultimo rapporto di Demoskopika

VIDEO | Diffusi i dati di uno studio sull'efficienza della spesa e dei servizi. E i risultati pongono la regione all'ultimo posto della classifica

di Salvatore Bruno
4 giugno 2019
14:47
171 condivisioni

Rivela uno stato di salute comatoso del sistema sanitario il report redatto dall'Istituto Demoskopika recante gli indici di performance che pongono la Calabria in fondo alla classifica rispetto alle altre regioni. I risultati dell'indagine sono stati resi noti nel corso di una conferenza stampa, dal presidente Raffaele Sergio Rio e dal direttore di ricerca Nino Floro.

La mobilità passiva è una palla al piede

La mobilità passiva rimane la problematica di maggior rilievo. Il dato è strutturale e costantemente attestato su circa 60 mila ricoveri annui fuori confine, verso Lazio, Veneto e Lombardia in particolare, per una spesa delle casse pubbliche superiore ai 300 milioni di euro, oltre a quelle sostenute per le trasferte, dai malati e dai loro familiari. A compensare questo esborso non c'è invece una altrettanto importante mobilità attiva.

Contenziosi ed insoddisfazione

Da sottolineare poi la mole dei contenziosi, anche quelli derivanti dalle condanne al risarcimento danni per casi di malasanità. Inoltre Demoskopika registra la percezione negativa degli utenti rispetto alla qualità dei servizi. Solo una minima percentuale di cittadini si dice soddisfatto. La sintesi dell'indagine nell'intervista al presidente dell'Istituto

Salvatore Bruno
Giornalista

Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche.

...

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio