Quando Babbo Natale non esisteva e sotto l’albero c’erano i vestiti nuovi

In un tempo non tanto lontano questo periodo dell’anno rappresentava per molti ragazzini calabresi l’unica occasione per dismettere scarpe e abiti logori nei quali non entravano più

di Rocco Greco
domenica 23 dicembre 2018
17:06
761 condivisioni

Dal nostro Rocco Greco un breve racconto e una poesia in vernacolo calabrese, per fare un tuffo nel passato e apprezzare le semplici aspettative del Natale di un tempo, quando per molti ragazzini questo momento dell’anno rappresentava una preziosa occasione per rinnovare il guardaroba e dismettere scarpe e vestiti logori nei quali non entravano più.

 

Quando Manelèju ‘i donna Tresìna ‘a Pilùsa era ndo sbilùppu, "u figghjòlu, benedica, avanzàva di minùtu a minutu, tanto che nei panni ci cresceva dentro". I pantaloni “ngi jènu a menza gambèra”e le maniche del maglione “manu manu ngi arrivàvanu ò gùmitu”. Le entrate della famiglia, composta da altri quattro fratelli, tre femmine e un maschio tutti più piccoli, si basavano sul latte di una dozzina di capre che il marito, ‘mbari Totu u Biondu, vendeva casa per casa, portandosi appresso un paio di animali per volta che mungeva direttamente “ndo bottu” della cliente.

Ogni giorno al ritorno da scuola il ragazzo si lamentava che i compagni lo sfottevano, anche se tra le famiglie del popolo non vi era tanta differenza di reddito e di condizione e, più o meno, si era tutti allo stesso livello e, perciò, non era un fatto sporadico vedere ragazzini andare “cu’ i cazi a tri quarti”.

La madre, santa donna, cercava di temporeggiare: «Figghju, pacènza n’atru pocu! Mo chi veni Natali, comu ngi pàganu u latti a pàita, t’accàttu scarpi e cazi e u maglioni tu fazzu io, pe’ Natali è prondu!» E fu di parola, a Natale Maneleju “si mutàu tuttu”! E, donna Tresìna, da madre di famiglia accorta e scrupolosa, a motivo che il ragazzo cresceva a vista d’occhio, “ngî pigghjàu tuttu ‘i criscènza”: le scarpe “nu numaru ‘i cchjù, u ngi vannu commadi; i cazi con sei otto dita di rèficu, all’occorrenza “mu ngi poti allongàri”. Pure il maglione che gli aveva fatto ai ferri, con almeno tre risvolti alle maniche e bello ampio sia di spalle che di lunghezza!

Il ragazzo era raggiante! Quella mattina di Natale, si svegliò da solo, a differenza di quando doveva andare a scuola “chi ngi volènu i cannunàti e ‘a povarèja da’ mamma havìa u si spiàta u si aza”! Arrivato in piazza, per prima cosa andò a comprarsi i “bumbuni”, e qui incontrò e si unì ad alcuni compagni “chi già sparàvanu ‘i prima matìna”!

 

Rientrato a casa, però, a differenza di quando era uscito, felice e contendo, “havìa ‘nu mussu chi ngi toccàva nderra” e inizia a fare “u picchju” perché qualche compagno, “figghju di ndrocchja”, lo aveva preso in giro dicendogli che in quei panni “natàva”! Donna Tresina, neanche lo ascoltò e continuando a friggere i “vraciòla” che aveva nella padella, disse: «Su' boni, su' boni! Accussì ti mendi puru aguànnu chi beni!»

Ad ogni modo, a Manelèju, il buon umore gli rivenne da lì a poco, in modo particolare quando donna Tresìna portò in tavola i dolci della tradizione da lei preparati: ficu cruci e nuci, raviòli cu’ vinu cottu, chjnulìji cu’a ciceràta e pittapii cu’a pàssula!‘’.

 

Quandu Figghjòlu, Natali Venìa!

(di Rocco Greco)

 

Vorrìa mu torn’ arrèdu

‘nu pocu di anni

Quandu criscìa figghjòlu

a’ casa mia

Sulu pe’ nguna ura

e poi u ritornu:

Di tandu in tandu

haju ‘sta fandasia!

 

Vorrìa u respiru

l’aria di chiji tembi

Quandu a Natali

‘a mamma si mendia

Pe’ mu prepara

chiju chi facìa

Da’ tradizioni

chi eppumu sembi!

 

Vorrìa mu viju

patrima ô vrasceri

Cundari i faràguli

‘i ‘na vota

Tutta ‘a famigghja

assettàta a’ rota:

Quandu tembu passàu,

mi pari ajèri!

 

Vorrìa mu provu

u aju chiju piacìri

Ch’esti ndo cori

e ogni tandu affiora

Vorria m’u sendu

n’atra vota ancora:

‘na bizzarria

chi no’ po’ avvenire!

 

Moni

si fannu puru i stessi cosi

Anzi, ndavimu ‘i cchjù,

ca cu’i sapìa!?

Ma u Natali

chi figghjòlu venia

Parìa diversu,

… o era n’atra cosa!

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Rocco Greco
Giornalista
Rocco Greco, di Pizzo, maresciallo della Marina Militare in pensione. Scrive in versi, in rima e sciolti, in vernacolo ed in italiano. Appassionato della lingua e delle tradizioni calabresi si manifesta al pubblico prima su periodici locali e poi attraverso i social network, dove riscontra quegli apprezzamenti che lo inducono a presentare nel giugno dello scorso anno la fortunata raccolta di componimenti “SENZA PENZERI”, edita dalla Digital Ricordi, che riscuote un significativo interesse sia di pubblico che di critica.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: