Donna Cettina “facìa i perci”: la siringaia terrore di tutti i sederi del paese

Sino ad alcuni decenni fa la figura di questa sorta di “infermiera” a domicilio era molto diffusa in Calabria. Andava di casa in casa per fare le iniezioni agli ammalati e così riusciva a sbarcare il lunario

di Rocco Greco
13 settembre 2019
17:59
88 condivisioni
Chi l’ha conosciuta non la può dimenticare...
Chi l’ha conosciuta non la può dimenticare...

Sino ad alcuni decenni scorsi quella di andare nelle case a fare le iniezioni era un’attività che permetteva a chi la praticava, se non proprio di sbarcare il lunario, di racimolare il necessario da mettere in tavola. Per la maggiore coloro che praticavano tale incombenza erano donne – almeno una a quartiere - ed il compenso, solitamente in natura, rappresentava un’entrata suppletiva, un aiuto in più alla famiglia. Chi necessitava di tali prestazioni si cacciava l’obbligo con un pacco di zucchero e di caffè, una bottiglia d’olio, una dozzina di uova, … e cose di questo genere.
Nel breve racconto che segue, tratteggio il profilo di una professionista del ramo.

Donna Cettina facìa i perci!

Girava casi casi pe’ tuttu u paisi e perciàva nàtichi tuttu u jornu.
Conosceva tutti, o quasi, i culi di Pizzu e qualche volta, quando non aveva prescia ed era in vena di scherzare stilava una sua classifica, elencandoli in base alla taglia, alla forma e alla solidità: grossu, siccu, musciu, tostu, tundu a mandulìnu, chjàttu, a cucchjàra, a panàru, a cascètta, a baùli, ‘i lignu, cu’ i pirràgghj e chjnu ‘i cocci. ‘Ndavìa nzinifìni, pe’ tutti i gusti e di tutti i manèri!
Quando raccontava questi fatti, rideva lei stessa di gusto, e si vantava che lei li aveva visti tutti mentre nessuno di loro aveva visto il suo. I presenti si ngoscìavanu d’arrisàti c’avènu u si tènunu i hjànghi, tandu ridènu cu’ i lagrimi.
Ovviamente i nomi a chi appartenevano i culi li conosceva solo lei e neanche sotto tortura li avrebbe resi pubblici. Quando qualcuno, con la tattica dell’indovinare, tendava di estorcerle un nome: «Segreto professionali! Si dici u peccàtu, ma no’ u peccatùri!», era la risposta.

Percia = Iniezione.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Rocco Greco
Giornalista

Rocco Greco, di Pizzo, maresciallo della Marina Militare in pensione. Scrive in versi, in rima e sciolti, in vernacolo ed in italiano. Appassionato della lingua e delle tradizioni ...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio