La parola alle urne

Le tensioni nei partiti e le diverse partite del Pd di Ernesto Magorno e della Fi di Jole Santelli che ha rinunciato al simbolo.

di Riccardo Tripepi
venerdì 3 giugno 2016
20:26
Condividi

Si serrano i ranghi e si aspetta l’esito delle urne. Il risultato delle prossime amministrative sarà una vera e propria cartina di tornasole per le forze politiche.


In Calabria le partite più importanti si giocano a Cosenza e Crotone.


In entrambe le città abbiamo assistito ad una campagna elettorale tormentata fin dal momento della scelta dei candidati. A Cosenza, a complicare il quadro, ci sono stati poi lo scioglimento anticipato del Consiglio comunale, il giallo sulla candidatura di Lucio Presta, la rottura Ncd-Pd nonostante la discesa in campo di Guccione, l’alleanza democrat con Verdini e una serie di veleni infinita. Da ultimo la questione relativa alle tasse di Occhiuto e alle indagini sulle deleghe per ritirare in modo illegittimo tessere elettorali.


Il centrodestra, capitanato da Jole Santelli, non si è mai scomposto. Ha puntato forte su Occhiuto nonostante le diverse defezioni e la perdita di pezzi consistente della vecchia maggioranza. Non solo. Jole Santelli, di concerto con i desiderata dei fratelli Occhiuto, non ha schierato il simbolo di Forza Italia. Uno degli elementi che, a suo tempo, fecero imbufalire i Morrone poi passati al centrosinistra.


Una scelta che è stata ripetuta a Crotone dove non sono mancati i dissapori soprattutto con il gruppo che fa capo all’ex consigliere regionale Salvatore Pacenza.


Una scelta che non è stata seguita nel resto d’Italia. Ad esempio a Napoli e Milano, oltre ad essere presente il simbolo a guidare le liste azzurre sono scese in campo le coordinatrice regionali Mara Carfagna e Maria Stella Gelmini. Città più grandi e impegni diversi si dirà, ma è chiaro che le urne misureranno la bontà di alcune decisioni.


Lo sa bene Jole Santelli che ieri ha arringato i suoi con un ultimo appello. “La campagna elettorale che si chiude oggi a Cosenza ha visto distillare veleni da una precisa parte politica. Mentre noi illustravamo proposte, dall'altra parte si seminavano calunnie. La scelta del sindaco è quella più immediata per i cittadini. Si sceglie non per collocazioni politiche ma unicamente per stabilire chi possa amministrare meglio una città . Chiunque ami Cosenza non può che scegliere il progetto civico di Occhiuto, la sua capacità  di amministrare, l'orgoglio che ha restituito a una comunità stanca di congiure e di lotte intestine. Dopo le elezioni il sindaco Occhiuto saprò riportare quell'armonia che è degna della città e che poche persone hanno messo a rischio. Cosenza non tornerà  indietro".


La coordinatrice azzurra sa che sia a Cosenza che a Crotone il primo turno sarà decisivo. Pur prescindendo dal valore dei candidati del centrosinistra, sia nel Comune bruzio che nel centro pitagorico i ballottaggi sembrano favorire il centrosinistra. Guccione e Barbieri, infatti, arrivando al secondo turno potrebbero contare, quasi certamente, del sostegno del gruppo di Paolini e di Ncd e del gruppo che fa capo alla famiglia Sculco.


In molti tra gli azzurri hanno poi notato che sono mancati all’appello i big del partito, compreso quel Silvio Berlusconi che pure aveva promesso una visita calabrese qualche tempo fa. Il gruppo dei dissidenti interni, insomma, sembra aspettare al varco Jole Santelli che alle urne vedrà messa alla prova la sua leadership.


Diversa la situazione in casa Pd dove l’avvicinamento di Oliverio alle posizioni renziane anche sul referendum pare aver ricompattato il fronte.  Anche su Cosenza l’abbandono di Presta e l’impegno di Guccione sembrano avere pacificato lo schieramento. Detto che i risultati saranno fondamentali e a Cosenza, dove Oliverio ha il suo principale bacino di voti, il responso delle urne potrebbe dare anche qualche indicazioni relativa al gradimento dei cittadini rispetto al governo regionale. Il segretario Magorno, stavolta, pare giocarsi una partita decisamente più tranquilla rispetto al recente passato.


Riccardo Tripepi

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: