La sconfitta senza appello del Pd e della vecchia nomenclatura

Inevitabile adesso un cambio di marcia e una gestione rinnovata del partito

di Riccardo Tripepi
martedì 7 giugno 2016
10:01
Condividi

I partiti cominciano a metabolizzare il voto di domenica scorso. E soprattutto in casa Pd il giorno dopo le elezioni ha il sapore acre della sconfitta.


Il partito di Magorno perde a Cosenza in mala maniera dopo una campagna elettorale macchiata da continui errori di valutazione e sui tempi delle decisioni. La scelta di Guccione è stata tardiva e anche la politica delle alleanze ha lasciato a desiderare. La discesa di Verdini al fianco del centrosinistra, poi, sembra aver determinato un ulteriore distacco dall’elettorato. Il dato venuto fuori dalle urne è impietoso: se Mario Occhiuto sfiora il 60%, Guccione insieme ad Enzo Paolini e al Nuove Centrodestra dei fratelli Gentile arriva a mala pena al 30%.


Una vera e propria ecatombe. Nella quale si è consumato anche un piccolo giallo. Guccione ha preso 8 punti percentuali in meno rispetto alle proprie liste. Il che per i malpensanti significa che più di qualcuno all’interno dello schieramento del centrosinistra ha giocato a perdere. Troppi franchi tiratori, insomma.


Se poi si guarda a Crotone dove la Barbieri è riuscita ad al ballottaggio con Pugliese sostenuto dalla famiglia Sculco, pur con il centrodestra fuorigioco, si capisce che il risultato complessivo non può essere soddisfacente. Un risultato reso ancora più amaro da quanto avvenuto a Platì, dove con l’abbandono di Anna Rita Leonardi, a pochi giorni dal termine per la presentazione delle liste, ha sancito la fuoriuscita democrat dal centro aspromontano. Un abbandono non ancora chiarito nel dettaglio e arrivato dopo quasi un anno di campagna elettorale volta a dimostrare l’impegno per uno dei Comuni in cui si sente di più la pervasività della criminalità organizzata e dove da diverse tornate le elezioni venivano annullate per mancato raggiungimento del quorum.


Nelle stanze dei bottoni del Pd, insomma, la tensione è alle stelle. E consola poco la circostanza che anche a livello nazionale le cose non siano andate molto bene, tanto che lo stesso premier Renzi si è detto deluso per il voto nel suo complesso. In Calabria, infatti, le cose erano andate male anche quando il vento gonfiava al massimo le vele del renzismo. Alle elezioni precedenti, infatti, il centrosinistra aveva perso a Lamezia Terme, a Vibo e anche a Gioia Tauro.


La sconfitta di Cosenza, roccaforte di centrosinistra e provincia che esprime il governatore Mario Oliverio, rappresenta dunque il punto finale di un percorso calante per il centrosinistra. E chiama alle responsabilità i dirigenti. A partire dal segretario regionale Ernesto Magorno e via via a scendere verso i dirigenti locali. Perché non fare le primarie né a Cosenza, né a Crotone? Se lo stanno chiedendo in molti tra i militanti del centrosinistra. Avrebbero legittimato il vincitore e reso più forte il candidato. Esempi recenti sono legati a Giuseppe Falcomatà a Reggio Calabria e allo stesso Mario Oliverio con le primarie per la scelta del governatore. Da quella vittoria il centrosinistra, nell’ultimo anno e mezzo, non è riuscito ad azzeccarne una. Dalla scelta della giunta dei tecnici che ha creato un pericoloso scollamento con il Consiglio regionale, alle gestioni delle varie competizioni elettorali, è stato un crescendo di tensioni e di spaccature. Che adesso sono arrivate tutte insieme a chiedere il conto. E pare difficile che possa bastare l’ombrello magico di Marco Minniti per salvare tutti e rimettere insieme i cocci. Stavolta c’è bisogno di un radicale cambio di marcia e di un confronto reale (non le solite assemblee regionali con il silenziatore) che possa fare spazio ad un ricambio generazionale anche e soprattutto nella gestione del partito.

 


Riccardo Tripepi

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: