AMMINISTRATIVE IN CALABRIA | La disfatta del Pd e la riscossa del centrodestra

Catanzaro ultimo dei grandi centri che vede perdere Oliverio e Magorno e da cui parte la rincorsa verso la Cittadella di Germaneto  della Forza Italia degli Occhiuto e della Santelli. E Gentile sottolinea il risultato di Ap...

di Riccardo Tripepi
lunedì 26 giugno 2017
14:32
Condividi
L’onorevole Santelli e il segretario regionale Pd Magorno
L’onorevole Santelli e il segretario regionale Pd Magorno

Il Re è nudo. Per l’ennesima volta in due anni e mezzo. Vibo, Lamezia, Cosenza e, adesso, Catanzaro sono passate al centrodestra con il Pd che, evidentemente, paga dazio all’azione di governo di Oliverio alla Regione e a un’assoluta incapacità di selezionare candidati e liste che chiama in causa direttamente la segreteria regionale del partito. E, stavolta, i tentativi di coprire i reggenti saranno ancora più inutili rispetto al recente passato.

 

Perdere i 4 centri principali della Calabria in questo modo, e con queste proporzioni, è praticamente il modo migliore per consegnare le chiavi della Cittadella al centrodestra dei fratelli Occhiuto e di Jole Santelli che, infatti, hanno subito iniziato a cavalcare la tigre non appena le urne si sono chiuse a Catanzaro che ha regalato ad Abramo un successo anche più ampio rispetto a quello ipotizzato alla vigilia e che boccia sonoramente Enzo Ciconte, abbandonato dal partito in una lotta impari. Chiaro che la gestione della candidatura della coalizione di centrosinistra e dei rapporti con Nicola Fiorita gridano vendetta, quasi come quelli che caratterizzarono a Cosenza la discesa di Lucio Presta prima e la candidatura (perdente) di Carlo Guccione.

 

Scelte incomprensibili ai più e anche molto contraddittorie, considerato che il Pd ed Oliverio hanno bocciato Guccione e Ciconte dopo l’esplodere di “Rimborsopoli” facendoli fuori dalla prima giunta regionale, per poi candidarli a sindaco in centri nevralgici come Cosenza e Catanzaro.

 

La disfatta di Catanzaro, inoltre, preoccupa anche per la struttura della coalizione di centrodestra che sta affilando le baionette per tornare a governare la Regione. Gli uomini di Alternativa Popolare (ex Ncd) di Piero Aiello e Baldo Esposito sono stati determinanti per il successo di Abramo e con percentuali che oscillano intorno al 10% potrebbero essere determinanti anche per le elezioni regionali (come immediatamente sottolineato dal coordinatore regionale del partito Tonino Gentile), in caso di coalizione di centrodestra che vada a riprendere gli antichi confini, con l’eccezione dell’Udc.

 

Una strada che sembra sempre più probabile, anche guardando a quanto avvenuto sul piano nazionale dove il centrodestra ha surclassato gli avversari dove si è presentato unito con la coalizione allargata dalla Lega a Fratelli d’Italia, passando per gli azzurri del nuovamente resuscitato Silvio Berlusconi.

 

Le ritorsioni a palazzo Campanella, con le quasi certe espulsioni da Commissioni e Ufficio di presidenza di Esposito e Gentile, non serviranno di certo al Pd ad evitare ulteriori emorragie di consensi. Probabilmente sarebbero servite scelte chiare all’avvio della legislatura quando Oliverio avrebbe potuto dire con chiarezza se gli alfaniani avrebbero avuto o meno un posto nel governo regionale. L’ambiguità, anche in questo caso, non ha pagato.

 

C’è ancora un terzo dato che non incoraggia chi al momento governa la Regione. L’affluenza nel capoluogo sede del governo regionale, ma anche negli altri centri, è stata molto bassa. Solo il 30% dei catanzaresi è andato alle urne e ciò la dice lunga sul grado di disaffezione che in questo momento regna in Regione. A cosa attribuirlo se non alle mancate risposte che l’amministrazione regionale è riuscita a dare ai problemi quotidiani della gente?

 

Sembrano essersene accorti, seppur tardivamente, anche il segretario Magorno e il presidente Oliverio che non hanno cercato giustificazioni improbabili con i successi di Acri e Paola, ma hanno sottolineato la necessità di aprire una fase di riflessione interna al partito. E se Magorno ha parlato di “assunzione di responsabilità”, Oliverio è stato ancora più deciso: “Il Pd dove si presenta diviso perde. Occorre un cambio di impostazione e di linea”.

 

Si vedrà nei prossimi giorni cosa succederà nel partito a tutti i livelli. E se davvero il Pd calabrese riuscirà ad aprire una fase di dibattito interno o se anche stavolta si affiderà ai poteri tacitanti e taumaturgici del ministro dell’Interno Marco Minniti, principale autore della conversione di massa al renzismo che in Calabria ha coinciso proprio con l’inizio della fase di maggiore appannamento della leadership con la quale Renzi ha dovuto fin qui fare i conti. Senza una scossa, tuttavia, il destino di questo Pd è da considerarsi più che segnato, così come sarà difficile invertire la rotta nella seconda parte della legislatura regionale.

 

Riccardo Tripepi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: