Caos rifiuti, Lorenzo Lombardo nuovo assessore all’Ambiente al Comune di Vibo

E’ la quinta volta che il sindaco Elio Costa è costretto a cambiare in tale settore dopo le dimissioni dei predecessori

di G. B.
martedì 28 agosto 2018
07:12
5 condivisioni

Lorenzo Lombardo è il nuovo assessore all’Ambiente, alla sostenibilità ambientale ed alle energie rinnovabili del Comune di Vibo Valentia. Le nuove deleghe, che vanno ad affiancare quella ai Lavori pubblici di cui è già titolare dal maggio del 2016, gli  sono state conferite con apposito decreto dal sindaco Elio Costa che, a tal fine, ha modificato il proprio decreto numero 26 del 19 luglio scorso con il quale – a seguito delle dimissioni di Stefania Romanò – aveva trattenuto per sé le deleghe all’Ambiente.

La scelta di Lombardo è stata motivata dal primo cittadino con la necessità di individuare fra gli assessori in carica quello con “maggiore affinità per materia” e da qui l’indicazione del titolare ai Lavori pubblici. Lorenzo Lombardo aveva già ricoperto ad interim per un breve periodo, risalente al maggio scorso, anche l’incarico di assessore all'Ambiente di palazzo “Luigi Razza”, subentrando al dimissionario Giuseppe Russoche aveva lasciato l’incarico il 12 marzo scorso dando seguito alle indicazioni del leader di “Vibo Unica” Stefano Luciano. Prima di lui avevano “gettato la spugna” Vincenzo De Filippis e Antonio Scuticchio, mentre il 18 luglio scorso a rassegnare le dimissioni era stata Stefania Romanò, l’ingegnere nominata un mese e scelta personalmente dal sindaco Elio Costa dopo essere stata indicata dall’Ordine degli ingegneri di Vibo. Stefania Romanò – originaria di Dasà – ha lasciato l’incarico poiché finita sul registro degli indagati, quale componente dell’Autorità di bacino della Regione Calabria, in relazione ai fatti dell’alluvione di Rossano-Corigliano del 2015. Dal 18 luglio sino alla nuova nomina ora di Lorenzo Lombardo, la delega all’Ambiente è stata trattenuta dal sindaco Elio Costa.

 

Un mese, quello appena trascorso, vissuto all’insegna della piena emergenza rifiuti, con la città invasa di spazzatura in ogni angolo, dal centro alla periferia sino alle frazioni. E con la ditta Dusty che proprio ieri ha accusato l'amministrazione comunale di Vibo di non aver elevato abbastanza sanzioni ai cittadini incivili che hanno creato sul territorio tante piccole micro-discariche. La nomina di Lombardo arriva peraltro nel bel mezzzo di un vero e proprio caos politico generato anche, e soprattutto, per la questione rifiuti ed il degrado ambientale in cui versa la città, con accuse reciproche fra il gruppo di “Vibo Unica” guidato dal consigliere comunale Stefano Luciano ed i capigruppo di maggioranza, oltre che gli assessori della Giunta Costa.  Lorenzo Lombardo si troverà pertanto a dover gestire ora in prima persona la nuova emergenza ambientale, già oberato di lavoro per via la “pesante” delega ai Lavori pubblici. La nuova nomina politicamente chiude – qualora ve ne fosse stato ancora qualche minimo spiraglio  – la possibilità per  Stefano Luciano e compagni di rientrare in maggioranza dopo lo strappo dei mesi scorsi.


Leggi anche: Comune di Vibo, l’emergenza ambientale tra Procura e crisi politica

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

G. B.
Giornalista
Giuseppe Baglivo è stato collaboratore del quotidiano Calabria Ora dal settembre 2006 ad agosto 2007. Redattore e responsabile della cronaca giudiziaria del quotidiano Calabria Ora per la redazione di Vibo Valentia dal settembre 2007 ad ottobre 2009. Nello stesso periodo per il quotidiano Calabria Ora ha realizzato molteplici inchieste riguardanti l’intero territorio regionale. Da agosto 2010 ad oggi è collaboratore della Gazzetta del Sud, redazione di Vibo Valentia, con competenza in tutti i settori (sport escluso). Dal gennaio 2013 è corrispondente unico dell’Agi (Agenzia giornalistica Italia) per Vibo Valentia e provincia. Dal novembre 2015 al 29 dicembre 2016 è stato redattore e responsabile della cronaca nera e giudiziaria del quotidiano online calabrese Zoom24.it, giornale web che ha contribuito a far nascere. Nel gennaio 2011 dalla Fondazione dedicata a Giuseppe, “Pippo”, Fava (il giornalista ucciso da Cosa Nostra il 5 gennaio 1984) ha ricevuto a Catania il Premio Nazionale “Giuseppe Fava” conferito ai giornalisti “particolarmente impegnati nella battaglia contro le mafie”. Specializzato in cronaca giudiziaria, nera e giornalismo d’inchiesta, ha seguito i più importanti processi contro la ‘ndrangheta, la corruzione nella pubblica amministrazione e la malasanità celebrati negli ultimi dieci anni in Calabria. Alcune sue inchieste giornalistiche hanno portato al commissariamento di diversi Comuni del Vibonese per infiltrazioni mafiose.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: