Presidente Mattarella, venga in Calabria. Abbiamo bisogno di Lei

Il Presidente della Repubblica premiando un giovane disabile coraggioso e visionario conferma il suo ruolo di padre della Patria, unico baluardo contro la deriva istituzionale. Un appello: torni presto a trovarci

di Monica La Torre
giovedì 7 marzo 2019
12:16
18 condivisioni
Sergio Mattarella: il selfie con Jacopo Melio
Sergio Mattarella: il selfie con Jacopo Melio

Se ci fosse un’iconografia con la quale i posteri dovrebbero ritrarre il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, sarebbe quella di Atlante: il titano che regge il mondo sulle spalle. È lui, oggi, a dover trascinare il peso (titanico, appunto!) della responsabilità, dell’autorevolezza e della dignità dell’istituzione Italia, macchiata dalle intemperanze di uno scenario politico ormai sdoganato da qualsiasi rispetto formale. Politici aldilà della destra e della sinistra, in bilico tra oscuri e tentacolari società informatiche formato “sacro blog”, competono con cinici fomentatori di fiammate populiste e sovraniste virali, gestite da un sistema tanto bieco ed efficace da essere denominato, dagli osservatori e dagli addetti ai lavori, “La Bestia”. Argomentazioni e dibattiti lunari, pressappochismo e sistematica rimozione di qualsivoglia fondatezza scientifica, ondate di razzismo a mezzo social a soffocare qualsiasi altra priorità nell’agenda politica…

Vaghe stelle dell’Orsa

Il decoro è un ricordo lontano. La sobrietà, una vaga stella dell’Orsa. La competenza, addirittura schifata, guardata con sospetto, al pari di economisti, accademici, medici, scienziati, insomma: professionisti. La scena è dei complottisti. Ai più sensibili degli elettori e degli osservatori politici, ogni giorno presi a schiaffoni dalla pesantezza delle esternazioni e delle manifestazioni dei nostri rappresentanti in parlamento, la misura, la storia personale, la sensibilità civile, la caratura morale di Mattarella appaiono come la Zattera della Medusa di Théodore Géricault, nell’eroico tentativo di uscire dalla tempesta. Una immagine fragile, disperata, eroica, e di assoluta bellezza.

Populismo next level

Mai, nella storia antica ed in quella moderna, la classe dirigente aveva raggiunto tale sguaiatezza espressiva. Mai il sovranismo populista aveva raggiunto livelli di tale libertà di espressione. Dimenticate le cene eleganti ad Arcore, dimenticate il saluto romano di Gianni Alemanno, archiviate le sagre di Razzi: in confronto, siamo di fronte ad Eisenhower, De Gasperi, De Gaulle. Oggi, va in scena il populismo next level. Quello a botte di selfie a base di Nutella e di divise indossate a casaccio, a botte di “Questo lo dice lei” da parte della segretaria d’azienda all’economista, lo spettacolo d’arte varia di di congiuntivi mancati e di shit storm ferocemente virali sugli oppositori. Un deserto, dove sono saltati schemi e riferimenti. E dove l’osservatore in cerca di balsamo ristoratore trova un solo punto fermo: Mattarella.

Il padre della Patria

Nel deserto che lo circonda, ogni gesto del nostro presidente della Repubblica appare quasi sacrale. Il contrasto con la compagine politica che lui è chiamato a mantenere dentro i binari di Costituzione ed indipendenza da poteri altri, lo rende quasi mistico. Lo trasfigura. Quella retorica lenta, quella ritrosia che inizialmente spingevano gli osservatori più cinici alla stigmatizzazione, oggi contribuiscono a farne il nostro solo e vero padre della Patria: un padre di cui abbiamo disperato bisogno.

#vorreiprendereiltreno

È di ieri, la foto tanto semplice quanto fondante, di Mattarella canuto, forte e sorridente, inginocchiato accanto a Jacopo Melio, ventiseienne affetto da sindrome di Escoban, da sempre costretto a vivere su una sedia a rotelle, e protagonista della campagna (per fortuna anch’essa virale!) #vorreiprendereiltreno. Una vita da disabile, passata a lottare per se stesso e per gli altri, contro le barriere architettoniche. Melio, è stato nominato proprio dal Presidente Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Nei giorni scorsi, altri ragazzi erano stati ricevuti, abbracciati e premiati, nel suo costante premiare esemplarità e coraggio neo giovani. 29 alfieri, da lui stesso definiti "giovanissimi eroi coraggiosi e solidali”, resisi protagonisti di azioni meritorie, atti di integrazione, coraggio, bontà, lo avevano circondato per lungo tempo... Tra questi, anche due ragazzi calabresi, vero orgoglio della nostra regione.

La Calabria, due volte provata

In quel frangente, così come accanto a Jacopo, abbiamo rivisto nello sguardo di papà Sergio un sorriso, un barlume di speranza. Ci siamo sentiti sollevati per lui, che spesso ci preoccupa, così stanco e provato dalla condotta altrui. Sono immagini che ci restituiscono speranza e orgoglio. Dei balsami per la nostra coscienza civica, più provata in Calabria rispetto all’altrove. Solo l’esempio può salvarci, anche e soprattutto qui. Nella nostra terra, il bisogno di poterci ispirare a figure di tale levatura è massimo: siamo doppiamente feriti, dalle politiche nazionali prima, e regionali, locali poi. Il calabrese non sa più dove guardare. Dove trovare riparo. Una terra come la nostra, teatro di scempi istituzionali e amministrativi grotteschi, non trova conforto ne nell’osservazione diretta della gestione delle locali cose pubbliche, ne nella scena politica nazionale. La rimozione sistematica degli ultimi brandelli di rigore istituzionale ci ha duramente provato.

Presidente, venga a trovarci

Forse per questo, nel vedere il nostro Presidente difendere così strenuamente e sottilmente la centralità della costituzione, valori quali tolleranza, rispetto, integrazione ed europeismo, ci capita di commuoverci. Di provare affetto e rispetto sacro. In ginocchio accanto a Melio, Mattarella sembrava un Titano. Ed in effetti, lo è. Un uomo solo, nel deserto dei tartari di questa Repubblica. Presidente, una prece: venga a trovarci presto. Abbiamo davvero bisogno di Lei. Non saremo i più bravi della classe. Ma di certo, siamo i più bisognosi.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Monica La Torre
Giornalista
Monica La Torre, padre calabrese e madre umbra, nasce a Tropea 50 anni fa. Nenache cinquenne, è costretta da un destino avverso ad emigrare in una ridente cittadina tra Assisi e Spoleto, nel regno di Don Matteo. Passa gli ultimi 46 anni a lamentarsi per questa sorte ria, senza riuscire a trovare una scusa valida per ri-trasferirsi. Di mestiere fa la nostalgica. Nei ritagli di tempo si è laureata, ha cambiato un numero imprecisato di lavori, ha imparato a memoria le uscite della Salerno Reggio Calabria, attraversato a nuoto lo stretto di Messina, rovinato la giovinezza con vent'anni di partita IVA. Senza merito alcuno, è circondata di persone belle, che ne sopportano il pianto greco da emigrata inconsolabile. E' malata di mare ed happy hour. Tutti sanno che convive con due vizi innominabili. Quella cosa con la quale non si mangia chiamata: ARTE, e quella cosa che in Calabria è meglio dimenticare, chiamata: NATURA. Crede che la bellezza salverà il mondo, ma non il suo, perché la rivoluzione delle coscienze avverrà 24 ore dopo il suo trasferimento "altrove". Non per questo, si incazza di meno con le "capre". Non ha avversione per il denaro: è il denaro che ne ha per lei.  
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream