Caso Siri, Di Maio: «Sarà il premier Conte a farlo dimettere»

Si infuoca lo scontro tra la Lega e pentastellati con l’attacco del vicepremiere M5S al sottosegretario ai Trasporti: «Gli abbiamo chiesto un passo indietro. Continuerà a fare il senatore, non va mica per strada». Salvini: «Per me deve restare»

di Redazione
26 aprile 2019
11:40
25 condivisioni

Il vicepremier del movimento 5 stelle Luigi Di Maio non molla la presa e ribadisce la volontà di dimissioni del sottosegretario della Lega Armando Siri. Di Maio, intervistato dal Corriere della Sera, sul caso del leghista indagato per corruzione nell'ambito dell'eolico, assicura: «Conte interverrà e lui dovrà andarsene».  Il ministro dello Sviluppo economico tiene a precisare l’impegno nel voler mantenere compatto il Governo, assicurando però sulla tenuta della maggioranza: «Il Governo è uno e c'è un contratto. Non si è rotto nulla, per noi va avanti. Vogliamo fare tante cose e in squadra. Mi auguro valga lo stesso per la Lega»

L'imputazione dei pm

Stando all'accusa dei magistrati, infatti, «Armando Siri, senatore e sottosegretario di Stato presso il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ed in tale duplice qualità di pubblico ufficiale, per l'esercizio delle sue funzioni e dei suoi poteri, asservendoli ad interessi privati riceveva indebitamente la promessa di 30mila euro da Paolo Franco Arata, amministratore della Etnea srl, della Alqantara srl, dominus della Solcara srl e della Solgesta srl».

Oggi sarà un giorno cruciale, perché i magistrati depositeranno (pochi) atti giudiziari per l'udienza del Tribunale del Riesame, chiamato a decidere sul dissequestro di telefoni e computer da Paolo Franco Arata. Secondo le stesse fonti tra questi documenti ci sarà anche la telefonata tra Arata e il figlio Francesco, che ha consentito ai pm capitolini di iscrivere nel registro degli indagati Siri con l'accusa di corruzione. Si saprà, dunque, se è «falsa» come accusa la Verità.

Di Maio: «Non capisco questo attaccamento alla poltrona»

«Questo attaccamento alla poltrona non lo capisco. Gli abbiamo chiesto un passo indietro. Continui a fare il senatore, non va mica per strada. Parliamo tanto di lotta ai delinquenti - prosegue Di Maio riferendosi al sottosegretario della Lega Armando Siri - e quando un politico è indagato per corruzione stiamo zitti? Eh no, non funziona così. Dove è la coerenza?»

Parlando del rapporto con il Carroccio, Di Maio sottolinea: «Sapevo che non sarebbe stato semplice. Non mi delude la Lega, mi impensierisce quando evoca crisi di governo irresponsabili». E su Salvini spiega: «Mi fido, meno di chi gli sta intorno», come «questo Paolo Arata che, per le inchieste, è il faccendiere di Vito Nicastri, vicino alla mafia». Il riferimento è all'imprenditore Paolo Arata che avrebbe dato la mazzetta a Siri per favorire la predisposizione di norme nel settore dell'energia che lo avrebbero favorito. «Credo che la Lega - continua Di Maio  - debba prendere le distanze da lui e chiarire il suo ruolo, visto che il figlio è stato assunto da Giorgetti».

Mentre su Siri insiste: «Certo che Conte dovrà spingerlo alle dimissioni. E lo farà, ne sono sicuro».

Salvini: «Siri? Per me deve restare»

«Io di pazienza ne avrei, ma la gente si avvicina per fare selfie, stringermi la mano e mi dice: ‘Matteo, ma questi 5 Stelle vogliono continuare ancora così? Ti attaccano sempre? Perché non rompi?’». Lo dice il vicepremier Matteo Salvini in un colloquio con ‘Repubblica’.

«Io non voglio fare polemiche - aggiunge - Ma mi chiedo se la mia stessa pazienza ce l’hanno ancora gli elettori che hanno voluto questo governo». Nessun contatto con Luigi Di Maio? «No, non l’ho sentito - spiega  - Ma soprattutto non rispondo alle provocazioni. Sono entrato in una fase zen». Quanto al caso Siri, «il presidente del Consiglio è libero di incontrare chi vuole. Io con Siri ho parlato, mi ha detto di essere tranquillo e tanto mi basta. Per me deve restare al suo posto. E spero abbia modo di spiegare ai magistrati, che in un Paese normale lo avrebbero chiamato dopo un quarto d’ora, non settimane dopo».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio