Il Papa bacia i piedi ai leader del Sud Sudan, polemica sui social

I cattolici tradizionalisti non avrebbero gradito le modalità con cui il Santo Padre ha accolto i suoi ospiti durante la visita istituzionale: «Gesto di sottomissione»

di Redazione
venerdì 12 aprile 2019
18:21
247 condivisioni

In Vaticano, a casa Santa Marta, Papa Francesco bacia i piedi ai leader del Sud Sudan: «Vi chiedo come fratello: rimanete nella pace. Lo chiedo con il cuore, andiamo avanti, ci saranno tanti problemi ma non spaventatevi. Risolvete i problemi. Avviate un processo che finisca bene». Si è trattato di un gesto senza precedenti per un successore di San Pietro.

Il Sud Sudan martoriato da anni di guerra civile

Sarebbe stato un gesto di riconciliazione quello che Papa Bergoglio si è apprestato a compiere per chiedere ai potenti del Sud Sudan di pacificare una Repubblica martoriata da anni di guerra civile. Un Paese che ha solo sette anni di vita, ma che è stato lacerato da un conflitto che si prolunga dalla fine del 2013 e che ha provocato duecentomila morti e due milioni di sfollati. Alla base del conflitto c’è la partita dello sfruttamento delle risorse del sottosuolo, soprattutto il petrolio, di cui è ricco questo Paese diventato indipendente dal Sudan nel luglio 2011.

Le polemiche sui social

Le immagini del Santo Padre inginocchiato ai piedi dei leader sudsudanesi, però, hanno destato stupore e hanno scatenato non poche polemiche sui social.

In molti, soprattutto tra i cattolici tradizionalisti, non hanno gradito che il capo spirituale della Chiesa cattolica si sia abbassato per baciare i piedi a tre musulmani e lo hanno visto come segno di sottomissione all’Islam. Altri hanno puntato il dito contro il fatto che il Papa non si inginocchia mai davanti all’Eucarestia, neppure durante la consacrazione del Corpo e del Sangue di Cristo nel corso della messa, neppure durante i momenti di adorazione.

Il Papa, per giustificare questo suo comportamento, ha detto in passato di avere seri problemi alla schiena, ma questo non è bastato ai suoi detrattori.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: