Donna uccisa e nascosta in un sacco a pelo nel bosco, il compagno: «Sono stato io»

L’uomo, un clandestino 45enne di origine marocchina come la vittima, ha confessato l’omicidio durante un normale controllo antidroga della polizia locale. Il delitto è avvenuto a Lomazzo, nel Comasco

di Redazione
26 settembre 2019
11:27
72 condivisioni

Una donna di 48 anni è stata uccisa e il suo cadavere riposto in un sacco a pelo in un bosco nel Comasco, nel comune di Lomazzo. L'omicida è il suo compagno, un clandestino 45enne di origine marocchina come la vittima.

L’uomo è stato fermato casualmente dalla polizia locale a Milano durante un controllo antidroga di routine. Il 45enne appena è stato avvicinato dai poliziotti ha detto «Sono stato io a farlo». A quel punto gli è stato chiesto a cosa si riferisse e ha confessato di aver maltrattato e ucciso la compagna, il cui corpo è stato poi infilato in un sacco a pelo e lasciato nella boscaglia. Il marocchino ha accompagnato gli agenti, a cui si sono aggiunti quelli dell’unità investigazione, sul luogo dell’occultamento. Al momento l’omicida è in stato di fermo nella caserma dei carabinieri di Cantù. Sono in corso approfondimenti per ricostruire l’esatta dinamica.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio