Dirotta e dà fuoco al bus con dentro gli studenti: «Lo faccio per i migranti»

Mattinata di terrore per 51 ragazzi di una scuola media. Fermato l’autista del mezzo che prima dell’incendio avrebbe gridato: «Basta morti nel Mediterraneo»

mercoledì 20 marzo 2019
16:20
94 condivisioni
Il bus in fiamme, foto Ansa
Il bus in fiamme, foto Ansa

Durante l'incendio avrebbe gridato: «Lo faccio per i migranti, basta morti nel Mediterraneo». Queste le parole dell'uomo che questa mattina poco prima di mezzogiorno ha dato fuoco ad uno scuolabus dove fino a pochi minuti prima viaggiavano 51 ragazzi di una scuola media. Ousseynou Sy, 47 anni, da almeno 15 anni autista della società Autoguidovie, era partito con il veicolo e gli studenti da Crema e aveva il compito di portarli a scuola. Improvvisamente ha dirottato il mezzo e si è diretto verso Milano. Presenti  a bordo del bus anche due adulti accompagnatori. Quindi ha preso un coltello e ha urlato: «Da qui non esce vivo nessuno».

L’intervento dei carabinieri

È stato un accompagnatore a chiamare la centrale operativa dei carabinieri che hanno attivato le compagnie di Lodi, Crema e Milano. Quando si trovava all'altezza di San Donato, Sy si è stato fermato. I militari avevano formato un posto di blocco, che lui ha speronato. Ha anche cercato di farsi strada tra le auto, trascinando per circa 80 metri la macchina dei carabinieri.

La fine della folle corsa

Quando l'autobus è finito sul guardrail l'uomo ha quindi arrestato la sua corsa e cosparso il mezzo con liquido infiammabile. I carabinieri sono però riusciti a mettere in salvo i ragazzini, che sono stati fatti scendere. Nel frattempo il veicolo è stato avvolto dalle fiamme: sono intervenute sul posto diverse squadre dei vigili del fuoco che hanno spento l'incendio. Adesso dello scuolabus non resta che lo scheletro annerito.  Nessun ferito tra i bambini, anche se lo shock è stato forte. L'uomo è stato arrestato e portato dai carabinieri a San Donato, e al momento non ha ancora spiegato le motivazioni del gesto. Quindi è stato portato in ospedale al San Paolo. La ricostruzione della dinamica dei fatti è al vaglio degli investigatori che stanno osservando le immagini delle telecamere di sorveglianza poste nella zona dove è passato. Il 47enne senegalese (ma cittadino italiano da 17 anni), dal 2004 lavorava come autista della società Autoguidovie. Ha precedenti per guida in stato di ebbrezza e violenza sessuale con rapporto non consumato. Ora è indagato per strage e sequestro di persona aggravato dalla minore età delle persone coinvolte.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: