«Addio mamma, sto morendo»: il messaggio dal tir dell’orrore

Lo avrebbe inviato una donna vietnamita alla propria famiglia prima di soffocare nel camion carico di migranti clandestini trovato nella piazzola di un porto inglese a est di Londra

25 ottobre 2019
19:35
28 condivisioni
Pham Thi Tra My
Pham Thi Tra My

«Mi dispiace mamma, il mio viaggio verso una terra straniera è fallito. Sto morendo. Non riesco a respirare. Mi dispiace, mamma, vi amo così tanto». Sono le ultime strazianti parole che avrebbe mandato ai suoi familiari una delle 39 vittime del tir dell'orrore, il camion carico di cadaveri di migranti clandestini trovato nella piazzola di un porto inglese a est di Londra. A rendere pubblico il messaggio Hoa Nghiem, coordinatrice della rete Human rights space, una rete vietnamita di diritti umani, la quale ha twittato la foto di uno screenshot del messaggio finale che la 26enne vietnamita Pham Thi Tra My avrebbe inviato alla mamma. I suoi familiari hanno ricevuto il messaggio d'addio alle 22:30 di martedì, due ore prima che il container arrivasse al terminal di Purfleet, in Inghilterra, a bordo di una nave imbarcata da Zeebrugge, in Belgio.

 

Nghiem ha dichiarato in ulteriori tweet di aver parlato con un contatto della famiglia della vittima vietnamita, il quale ha affermato che la donna era scomparsa dopo essere partita dal Vietnam per la Cina, poi da lì  con l'intenzione di recarsi in Inghilterra attraverso la Francia. Il fratello della vittima alla Bbc ha riferito che la sorella avrebbe pagato i trafficanti di esseri umani  30mila sterline per farsi portare in Gran Bretagna. Pare che Pham avesse lasciato la casa il 3 ottobre telefonando alla propria famiglia mentre raggiungeva ogni destinazione. «Il primo tentativo per attraversare il Regno Unito lo ha fatto all'inizio di questo mese» - ha detto suo fratello alla Bbc – «ma è stata catturata e rimandata indietro».

 

Indagini in corso

Nel frattempo, l'ambasciata vietnamita a Londra ha dichiarato di essere in contatto con la polizia per verificare se la donna fosse a bordo del container. L'ambasciata britannica in Vietnam ha sottolineato che le nazionalità delle vittime non sono state ancora confermate e che le indagini sono ancora in corso.

 

Venerdì, la polizia dell'Essex ha arrestato altre due persone nell'ambito delle indagini, portando il numero totale deglia arresti a tre. Un uomo e una donna, entrambi di 38 anni e di Warrington, sono stati arrestati con l'accusa di cospirazione per il traffico di esseri umani e il sospetto di omicidio colposo di 39 persone. Il 25enne autista del camion, nominato dai media locali come Mo Robinson da Portadown, Irlanda del Nord, è ancora detenuto in carcere per sospetto omicidio. È stata inoltre lanciata una petizione su Change.org per chiedere il suo rilascio. Al momento non è chiaro se sia stato proprio lui ad avvisare la polizia della morte dei migranti nel container e in che punto della rotta siano state fatte salire le vittime sul rimorchio.

 

Nel frattempo, sono state organizzate veglie per rendere omaggio alle vittime e sono stati deposti fiori nella Contea di Grays, in Inghilterra, dove sono stati trovati i corpi.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio