Bimbo torna a respirare con un bronco in 3D. A Roma il primo trapianto in Europa

E’ stato impiantato all’Ospedale pediatrico Bambino Gesù con un intervento sperimentale su un paziente di 5 anni affetto dal broncolomacia che impedisce il normale flusso d’aria nel polmone sinistro

di Redazione
3 dicembre 2019
12:24
4812 condivisioni
Il bronco in 3D impiantato a un bambino di 5 anni per farlo respirare - Immagine Ansa
Il bronco in 3D impiantato a un bambino di 5 anni per farlo respirare - Immagine Ansa

Un bronco riassorbibile stampato in 3D per restituire il respiro a un bambino di 5 anni è stato impiantato all'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. L’ intervento sperimentale è il primo di questo genere in Europa. Il piccolo paziente era affetto dal broncomalacia, un cedimento della parete bronchiale che impedisce il normale flusso di aria nel polmone sinistro.

Il bambino può respirare autonomamente

Il dispositivo, realizzato grazie a un lavoro d'équipe durato oltre 6 mesi, ha consentito al bambino di respirare autonomamente. Il bronco 3D è stato interamente progettato al Bambino Gesù con sofisticate tecniche di imaging e bioingegneria. La stampa 3D è stata affidata, nell'ambito di un progetto di ricerca, al centro di stampa 3D Prosilas che ha reperito e adattato il materiale alle proprie tecnologie. Prima dell`impianto, il bronco è stato sottoposto a processi di sterilizzazione a bassa temperatura per non alterarne struttura e caratteristiche ed è stato stampato con materiale bio-riassorbibile che verrà progressivamente eliminato dall'organismo dopo aver accompagnato la crescita dell'apparato respiratorio del bambino e restituito al bronco la sua funzionalità. A poco meno di un mese dall'intervento, il bimbo è potuto tornare a casa.

Il delicato intervento, durato 8 ore, è stato eseguito il 14 ottobre da Adriano Carotti, responsabile dell'Unità di funzione di cardiochirurgia complessa con tecniche innovative, in collaborazione con i chirurghi delle vie aeree del Laryngo-Tracheal Team, diretto da Sergio Bottero.

Un progetto di ricerca basato su uno studio in Michigan

Il bronco 3D è il risultato di un progetto dell'ospedale romano basato su uno studio dell'Università del Michigan, dove sono stati eseguiti i primi 15 impianti del genere. Il dispositivo personalizzato è stato disegnato sull'anatomia del paziente partendo dalle immagini bidimensionali (Tac) realizzate nel Dipartimento di diagnostica per immagini guidato da Aurelio Secinaro e poi rielaborate con sofisticate tecniche di bioingegneria da Luca Borro dell'Unità di Innovazione e Percorsi Clinici. Il modello tridimensionale, una 'gabbietta' cilindrica che riproduce la struttura del bronco, è stato stampato con policaprolattone e idrossiapatite, composto bio-riassorbibile che viene eliminato dall'organismo nell'arco di circa 2 anni.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio