Una mega centrale idroelettrica nella Sibaritide per risolvere la carenza d'acqua

VIDEOIl progetto per la Valle del Trionto è del Consorzio di Bonifica bacini dello Jonio cosentino ed è stato presentato a Crosia. L'opera costerà 32milioni di euro, produrra 40mila megawatt all'anno e ricanalizzerà le acque del torrente che saranno messe a servizio delle utenze domestiche e agricole

di Marco  Lefosse
21 novembre 2019
12:57
361 condivisioni
Valle del Trionto nel Cosentino
Valle del Trionto nel Cosentino

Una delle più grandi centrali idroelettriche della Calabria, con una produzione annua di 40mila Megawatt e che prevede un investimento di 32milioni di euro. Sorgerà nei prossimi mesi nella Valle del Trionto grazie ad un programma di interventi per il miglioramento delle capacità idrauliche dello storico fiume che scorre tra la Sila e la costa ionica, proposto in project financing dal Consorzio di Bonifica Jonio cosentino. 

Il progetto è stato presentato durante un incontro dal tema “Dalle bonifiche ai servizi all’agricoltura – il ruolo del Consorzio di Bonifica”, tenutosi nella sala consiliare della delegazione comunale di Crosia Mirto, promosso dall’Amministrazione comunale di Crosia in collaborazione con l’ente consortile ed in partnership con Coldiretti Calabria.

«Un’opera utile e dalla triplice valenza»

«Un’opera utile – ha spiegato il presidente del Consorzio di Bonifica bacini dello ionico cosentino, Franco Blaiotta – dalla triplice valenza, che consentirà di sostenere la campagna globale per la produzione di energia pulita, che porterà sul territorio un investimento economico importante di oltre 30milioni di euro e che, aspetto per noi importante e strategico, ci consentirà di avere una nuova e più importante capacità di acqua idropotabile da mettere a disposizione delle utenze domestiche ed in esercizio per l’agricoltura. Non solo, l’opera di ingegnerizzazione idraulica ci consentirà, nei tratti che saranno attraversati dalla canalizzazione per la produzione di energia elettrica, e quindi da località Puntadura nel comune di Longobucco e fino a località Pantano tra i comuni di Corigliano-Rossano e Crosia, di provvedere ad una riqualificazione ambientale del fiume Trionto. Il progetto – ha aggiunto Blaiotta – sarà realizzato con la formula del project financing in collaborazione con il concessionario privato».

«Speriamo di poter risolvere i problemi idrici»

«Si tratta – ha aggiunto il sindaco di Crosia, Antonio Russo – della riqualificazione di una vecchia opera incompiuta che per decenni ha deturpato il territorio della Valle del Trionto e che, oggi, attraverso questo nuovo investimento consentirà di contribuire alla cosiddetta svolta green ma soprattutto di dare risposta alla forte richiesta d’acqua che abbiamo nelle utenze domestiche ma soprattutto al mondo dell’agricoltura. E siamo soddisfatti del fatto – ha detto ancora il primo cittadino – che questo progetto porti la firma del Consorzio di Bonifica perché per anni questo ente si è trovato a non garantire sempre e con puntualità i servizi richiesti e pagati dagli utenti agricoli del territorio. Che, invece, con l’intervento strutturale che si andrà a realizzare avranno finalmente una più congrua portata d’acqua da poter utilizzare per la valorizzazione delle loro colture».

All’incontro sono intervenuti anche il progettista dell’opera, Alberto Voltolina, il direttore generale dell’ente consortile, Maria De Filpo, i sindaci di Caloveto e Cropalati, Umberto Mazza e Luigi Lettieri, ed il presidente di Coldiretti Corigliano-Rossano, Antonello Fonsi.

 

 

Marco  Lefosse
Giornalista

Sono Marco Lefosse, classe 1982. Giornalista pubblicista dal 2011 e Idealista nel DNA. Appena diciottenne scrivo alcuni brevi contributi sulla nuova esperienza della giovane destra...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio