Tirocinanti della giustizia esasperati, ma dal Governo giungono spiragli

VIDEO | A settembre prevista l’emanazione di un bando per 600 lavoratori ma fuori ne rimarrebbero più del doppio

di Marco  Lefosse
mercoledì 26 giugno 2019
12:07
246 condivisioni

«Non ce la facciamo più. Da otto anni andiamo avanti a furia di stenti e promesse e lavoriamo in nero per lo Stato. Adesso vogliamo la stabilizzazione, da tirocini a tirocini dal 2012 ci hanno portato fino ad oggi». È lo sfogo amaro di Bouchra Habby, giovane tirocinante della giustizia di origine magrebina trapiantata in Italia. Anche lei sabato scorso era a Reggio Calabria a manifestare, insieme alle migliaia di lavoratori che hanno risposto alla chiamata della triplice sindacale per la grande manifestazione nazionale sul lavoro.

«Da dicembre siamo fermi senza contribuiti»

«È dallo scorso dicembre  – aggiunge Habby – che siamo fermi senza nessun contributo, senza indennità di malattia e senza nessun altro ammortizzatore. Chiediamo la stabilizzazione, una riconoscenza al nostro lavoro che da otto anni continua a tirocini». Insomma, un lavoro in nero legalizzato dallo Stato. Un po’ come lo è stato in venticinque lunghi anni per i circa cinquemila lavoratori calabresi appartenenti all’ex bacino LSU/LPU (che continuano a rimanere precari!). Gente, insomma, che chiede il riconoscimento di un diritto acquisito in tanti anni di servizio. Nulla più.

Uno spiraglio dal governo?

Uno spiraglio, però, dovrebbe giungere a breve dal governo. E a confermarlo sono gli stessi tirocinanti che martedì scorso si sono ritrovati con una delegazione davanti alla sede del Ministero della Giustizia a Roma per un flash mob di protesta e per avere lumi sul loro futuro lavorativo. Ai margini della manifestazione romana una delegazione dei tirocinanti è stata ricevuta dal sottosegretario Vittorio Ferraresi.

«Il ministero – dice Antonio Caruso, anche lui tirocinante della giustizia ed esponente della Cgil- Funzione pubblica – ci ha risposto positivamente per quelle che erano, in parte, le nostre rivendicazioni. Entro settembre, infatti – spiega – dovrebbe essere emanato un bando per 600 persone da stabilizzare». Certo, però, 600 persone sono solo meno di un terzo dei duemila lavoratori che chiedono stabilizzazione. «A noi – aggiunge caruso – questo non ci basta perché c’è la possibilità di poter estendere ad altri 600 idonei la graduatoria in modo da poter pescare proprio da questo bacino le eventuali, ulteriori assunzioni».

Insomma, tutto rimandato a settembre con la speranza che si possa vedere speranza in fondo al tunnel.     

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Marco  Lefosse
Giornalista
Sono Marco Lefosse, classe 1982. Giornalista pubblicista dal 2011 e Idealista nel DNA. Appena diciottenne scrivo alcuni brevi contributi sulla nuova esperienza della giovane destra calabrese per Linea, il giornale di Fiamma Tricolore diretto da Pino Rauti, e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizio a muovere i passi nei quotidiani regionali. Il mio primo “contrattino” da collaboratore lo firmo con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 lascio il Quotidiano e accolgo con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia Cosentina di  Genevieve Makaping ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 arriva il primo vero contratto giornalistico con Calabria Ora. Un’esperienza bellissima che ha forgiato e ben temperato la mia penna. Con onore ho lavorato, ininterrottamente fino al fallimento di questo splendido progetto editoriale nel 2014, per raccontare sempre e a tutti i costi le verità della mia città e del territorio. Parallelamente all’esperienza di Calabria Ora, nel 2011, il neo Sindaco di Rossano, Giuseppe Antoniotti, mi vuole come consulente nello staff dei collaboratori di fiducia. Nel luglio  del 2013, insieme alla collega Giusj De Luca (oggi anche mia splendida compagna di vita), fondo la CMP Agency, una giovane realtà di consulenza per la comunicazione ed il marketing. E nel gennaio 2014 proprio alla CMP è affidato il servizio di Ufficio stampa e Comunicazione istituzionale del Comune di Rossano. Ad Ottobre dello stesso anno, come consulente, seguo la campagna elettorale regionale del candidato Giuseppe Graziano. Dal 2014, chiusa la lunga parentesi dell’informazione con Calabria Ora, insieme alla nuova realtà di CMP Agency mi occupo esclusivamente di comunicazione istituzionale/commerciale e di marketing. Da Aprile 2018 fa parte della meravigliosa famiglia di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese e della neonata Corigliano-Rossano terza città della Calabria.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream