Rende, niente servizio mensa ai bambini morosi

Scatta da oggi 24 settembre lo stop della Siarc alla somministrazione dei pasti per gli scolari le cui famiglie non risultano in regola con il pagamento del servizio

di Salvatore Bruno
lunedì 24 settembre 2018
12:28
6 condivisioni

La Siarc ha deciso: basta far mangiare i bambini alla mensa se le loro famiglie prima non regolarizzano i pagamenti. La vicenda, destinata a far discutere, riguarda il servizio erogato nelle scuole del comune di Rende. La società giovedì scorso, 21 settembre, ha informato della determinazione assunta sia l’amministrazione sia i dirigenti scolastici.

L’azienda subentrata nell’appalto

Ad aggiudicarsi il bando di gara per un triennio era stata la Cardamone Group a partire dall’anno scolastico 2015-2016. L’affidamento è stato però revocato a seguito di una interdittiva antimafia emanata nei confronti dell’azienda. Nell’appalto è perciò subentrata la Siarc, seconda in graduatoria. Il disciplinare prevede la gestione diretta dell’impresa nella riscossione degli importi per l’erogazione del servizio, con partecipazione da parte del comune a beneficio delle famiglie meno abbienti. In particolare, l’amministrazione si fa carico dell’intera quota per i nuclei con ISEE inferiore a 4.500 euro, e concorre alla spesa in misura percentuale inversamente proporzionale al reddito delle famiglie.

La morosità che fa scattare la sospensione

La Siarc in questa fase opera in regime di prorogatio in attesa della pubblicazione del nuovo bando. Già nel mese di giugno aveva comunicato al comune e agli interessati l’intenzione di escludere dal servizio mensa i bambini appartenenti a famiglie morose. Secondo quanto comunicato dall’azienda, sarebbe stata proposta anche una rateizzazione del debito. Su pressione dell’assessore al ramo Annamaria Artese e dei dirigenti scolastici, la somministrazione dei pasti è stata comunque garantita con la ripresa delle attività scolastiche lo scorso 17 settembre, mentre numerose famiglie, nuovamente sollecitate con avvisi e telefonate, avrebbero effettuato il pagamento degli arretrati. Non tutte però. Per quest’ultime da oggi scatta lo stop.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: