Mobilitazione di Fai e Cisl sull’agroalimentare

I sit-in si stanno svolgendo davanti le prefetture di Catanzaro, Cosenza e Reggio Calabria. Presenti anche il segretario di Fai-Cisl Gualtieri e il segretario della Cisl Tramonti

di redazione
30 gennaio 2015
10:45
Condividi

Mobilitazione di Fai e Cisl sul tema dell’Agroalimentare per la crescita, lo sviluppo e il lavoro. I sit-in si stanno svolgendo in contemporanea a Catanzaro, Cosenza e Reggio Calabria. A Catanzaro è presente anche il segretario generale della Fai Cisl Calabria Gualtieri e il segretario generale della Cisl Paolo Tramonti. “I temi dalla mobilitazione – fanno sapere gli interessati - sono quelli legati alla forestazione, al rilancio dell’industria Agroalimentare, al settore pesca, al settore degli allevatori, al rilancio dei consorzi di bonifica e del lavoro regolare. Ci sono problemi legati alla nostra regione, che soffre di una grave situazione di dissesto idrogeologico e chiediamo la definizione di un piano nazionale e regionale per la messa in sicurezza del territorio".


"Vogliamo - proseguono gli interessati - rendere il settore della Forestazione utile e produttivo per tutta la collettività, coinvolgendo tutti gli attori sociali, con progetti utili e mirati, utilizzando risorse comunitarie, nazionali e regionali, cosa che consentirebbe il pagamento puntuale dei salari e restituire quella dignità, ormai perduta, a tutti quei lavoratori, forestali e sorveglianti, che da tempo operano nel settore. Vogliamo riportare il settore agroalimentare calabrese al centro degli impegni del governo nazionale, una regione che deve puntare sulla valorizzazione delle sue produzioni agroalimentari. Sull’industria agroalimentare, chiediamo la definizione di un nuovo Piano industriale Italia che generi recupero di produttività e incentivi il lavoro per la piccola e media azienda, su cui il nostro territorio è costituito e favorisca la commercializzazione dei nostri prodotti a prezzi competitivi puntando sulla qualità e l’innovazione, elementi essenziali per riconquistare la priorità verso un settore come l’agricoltura che per anni ha rappresentato l’intera economia della Regione".


"Come Fai Cisl chiediamo la riorganizzazione dei Consorzi di Bonifica, per restituire tutte le competenze dirette al consolidamento delle terreno e nello stesso tempo dare impulso all’irrigazione per aiutare la redditività dell’agricoltura, rendendola interessante agli occhi delle nuove generazioni. Per quanto riguarda il settore degli allevatori, chiediamo il rifinanziamento delle risorse e la definizione del sistema di ammortizzatori sociali. Quanto al settore pesca, che interessa molto le realtà calabresi, chiediamo la definizione di ammortizzatori sociali, con la cassa integrazione straordinaria strutturata, riconoscimento del lavoro usurante, rifinanziamento del piano triennale e la definizione del Piano Operativo Nazionale per l’utilizzo dei fondi strutturali europei. Noi auspichiamo che la Politica sia sensibile e responsabile e capace di migliorare il tenore di vita dando risposte concrete dirette allo sviluppo e - concludono - all’occupazione".

 

Tutti gli approfondimenti nel tg di LaC news 24 (Canale 19), o in diretta streaming su www.lactv.it alle 14.15 e alle 20.00

COMMENTI
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio