Licenziati e dimenticati, ex dipendenti si appellano a Di Maio

Esattamente un anno fa il licenziamento di 129 persone al call center di Locri. Un ex lavoratore: «Vogliamo solo dignità»

di Ilario  Balì
venerdì 21 settembre 2018
10:13
56 condivisioni

Per 129 ex dipendenti della Call&vall è ormai trascorso un anno dal licenziamento in quel di Locri. Avevano scelto di restare nella propria terra, dando dignità alla propria vita attraverso un lavoro onesto, in una delle realtà aziendali più grandi del territorio.
«Avevamo compreso da tempo che le cose non stavano andando nel verso giusto ma confidavamo nella nostra Azienda – racconta Filippo, uno degli ex dipendenti - in quella che per anni avevamo considerato la nostra famiglia, per cui avevamo fatto dei sacrifici, come si fa nelle proprie case».

Sindacati e lavoratori scesero in piazza per manifestare il proprio dissenso verso la decisione presa dall’azienda guidata dall’imprenditore Umberto Costamagna, chiedendo sostegno ed aiuto alla propria comunità e alle istituzioni. Un grido di aiuto rimasto inascoltato.

«Ricordo – prosegue Filippo - che partecipai a quella manifestazione fiducioso che sarebbe quanto meno servita a dare nuovo impulso alle trattative che erano in corso con i vertici aziendali e che la partecipazione della comunità tutta avrebbe smosso le acque. Ed invece fu un proprio e vero bluff. Perché – si chiede - abbiamo dovuto pagare noi per una scelta fatta da altri?».

Passata l’attenzione locale mediatica, è scemato l’interesse. Adesso l’appello è rivolto al governo Lega-5 Stelle. «Chiediamo un colloquio col Ministro Di Maio – chiosa Filippo – per capire insieme a lui se è possibile ridare un po' di dignità alle persone che sono state licenziate».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Ilario  Balì
Giornalista
Trentatre anni, giornalista con una laurea in Scienze della Comunicazione conseguita presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Sin da ragazzo il suo interesse è stato rivolto al giornalismo e alla comunicazione. A fine 2004 ha sostenuto il tirocinio universitario presso l’ufficio stampa del Comune di Reggio Calabria. Il contatto con un quotidiano vero e proprio nel 2006, da collaboratore con Calabria Ora (poi L'Ora della Calabria). La collaborazione si è intensificata dal 2010 fino alla chiusura (giugno 2014), periodo nel corso del quale alla normale attività di collaboratore è seguita quella di redattore. Da settembre 2015 a maggio 2016 ha collaborato come pagellista per la testata calciomercato.it. Da ottobre 2016 a maggio 2017 ha ricoperto l’incarico di redattore nel quotidiano regionale Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: