Cosenza, il viadotto del Cannavino chiude al traffico per otto mesi

Confronto con Anas sui ponti a rischio in Prefettura. Saranno implementati i sistemi di controllo delle infrastrutture

di Salvatore Bruno
mercoledì 5 settembre 2018
15:50
40 condivisioni

Dalla prossima primavera il viadotto del Cannavino chiuderà al traffico per circa otto mesi per consentire ad Anas di procedere all’esecuzione di lavori necessari a renderne completamente sicuro l’attraversamento. La situazione del ponte di Celico e di altre analoghe infrastrutture del cosentino, sono state oggetto di una riunione del comitato operativo per la viabilità provinciale presieduto dal prefetto Paola Galeone. Hanno partecipato il presidente della provincia Franco Iacucci, il dirigente regionale della protezione civile Carlo Tansi, il capo struttura dell’Assessorato alle Infrastrutture della Regione Calabria, un delegato tecnico dell’Unical, i rappresentanti di Anas, i sindaci dei comuni in cui ricadono i viadotti, i vertici delle forze dell’ordine e del comando provinciale dei vigili del fuoco.

Attività di monitoraggio e cura dei percorsi alternativi

Nel fornire rassicurazioni in merito alla stabilità delle opere sulla viabilità statale, l’Anas si è impegnata ad implementare i sistemi di monitoraggio utili a fornire elementi per le progettazioni in corso oltre che per garantire maggior presidio di sicurezza per gli utenti. Per il Cannavino, inoltre, l’Azienda Nazionale Autonoma delle Strada collaborerà con le amministrazioni locali per ottimizzare i percorsi alternativi durante l’interdizione al flusso veicolare.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: