Scandalo Corap, il commissario esperto cerca esperto per un “parere astratto”

Fernando Caldiero, commercialista e revisore legale, chiamato a traghettare l'ente regionale fuori dal baratro non se la sente di fare da solo e pubblica un avviso di selezione per la figura di un commercialista. Compenso 25mila euro in 30 giorni

di Agostino Pantano
7 settembre 2019
16:00
53 condivisioni
Fernando Caldiero
Fernando Caldiero

Il commissario straordinario c’è, ed è scelto proprio per le sue competenze nella materia contabile, solo che – forse visto l’ingarbugliato bilancio dell’ente che la Regione gli ha affidato – ha bisogno di chiedere “un parere” ad un collega commercialista esterno alla struttura. Professione di umiltà di chi è stato incaricato di guidare il Corap, o meccanismi astrusi del solito nominificio della politica in vista del voto: fatto sta che al Consorzio per lo sviluppo industriale vogliono reclutare un esperto e sono pronti a pagarlo 25mila euro.

L'esperto cerca esperti

Fernando Caldiero, il commercialista nominato commissario all’inizio del mese scorso, fra i primi atti del suo mandato ha vergato un decreto – il numero 51 del 27 agosto – con cui chiede ai colleghi di farsi avanti, per ora con una manifestazione di interesse che può essere perfezionata con un futuro incarico, essendo lui alla ricerca di “un parere”. 

Uno dice: vabbè, il commissario non se la sente di prendere da solo una decisione rispetto ad un determinato iter che gli compete; vuole evitare di far gravare sui 4 commercialisti che pure operano nel Corap anche l’ansia di un nuovo procedimento: tutto può essere ma non che ricorra al mercato dei consulenti con una formula assai controversa questa.

Burocrazia astrattista

Per capirlo, basta leggere il decreto pubblicato sul sito internet dell’organismo, e aggiungere mistero a mistero visto che “il parere” che l’esperto dovrà dare è “in ordine – si legge proprio così – alla astratta praticabilità di una soluzione negoziata, eventualmente anche di natura concorsuale, con riferimento alla crisi del Consorzio regionale Corap”. Ipotetica, anzi “astratta”, la linea di condotta da tenere ma certamente tangibile – anzi pesante – il compenso che in futuro potrebbe essere destinato a chi oggi, entro il 9 settembre, scegliesse di farsi selezionare dal collega commercialista commissario. È vero che politicamente non sono state chiarite le intenzione del governatore Mario Oliverio rispetto al consorzio che accorpò nella passata legislatura le strutture Asi che erano provinciali; è vero, anche, che non si è mai capito se la Regione voglia liquidare o salvare questo “ente ricco” che paga a stento gli stipendi ai suoi 104 dipendenti: ma il commissario straordinario era stato nominato per sciogliere questi nodi e oggi fa un certo effetto scoprire che… non se la sente di fare da solo o col personale interno.

 

Eppure, leggendo il curriculum di Caldiero – al netto di una biografia che colloca il professionista di Cetraro al centro di un paio di liquidazioni che occuparono anche le pagine della cronaca giudiziaria regionale – si scopre che lo stesso risulta “specializzato in procedure concorsuali turnaround” e da diversi anni si occupa di “piani di risanamento e di ristrutturazione di profonde crisi aziendali”. Proprio le qualificate conoscenze tecniche che il commissario cerca da altri che ora devono fare domanda per entrare nella lista da cui scegliere il curriculum migliore.

 

Leggendo i due allegati al decreto non si capisce dove e come l’esperto da reclutare debba trovare le carte per farsi un’idea sul parere da dare intorno alla “astratta praticabilità” della strada da far percorrere ad un ente lasciato alla canna del gas, pur gestendo fiori fior di infrastrutture, una su tutte la zona industriale intorno al porto di Gioia Tauro. In pratica potrà avere accesso alla documentazione, recandosi nelle sedi del Corap, ma solo dopo che avrà ottenuto un incarico, ma per il momento – se vuole sapere se è bravo o no a dare “un parere” sull’argomento richiesto – deve solo osare, deve sentirsi in grado indipendentemente dalle difficoltà di un bilancio che non conosce. Una valutazione sullo stato del Corap per ora immaginaria, quella che dovrà fare l’esperto che risponderà a questa indagine di mercato, che, altra stranezza, può appartenere a qualsiasi ordine professionale. 

Trenta giorni e 25mila euro

Infatti Caldiero non circoscrive la ricerca, parla genericamente di “libero professionista” e “legale rappresentante della società con comprovate esperienze”: in sostanza anche un giornalista iscritto all'ordine professionale, magari dopo aver scritto degli articoli sulle società in liquidazione, potrebbe presentare domanda e sperare. La documentazione sul sito è però chiara quando precisa che il futuribile “parere” sulla strada "astratta" dovrà essere dato entro 30 giorni dall’incarico, facendo intendere che il lavoro tecnico in sé non è poi tanto complicato se basta così poco per avere… un compenso da 25.000 euro.

Selezione... poi forse l'incarico 

Altra accortezza di Caldiero è quando prescrive che la manifestazione di interesse prelude ad una chiamata al lavoro che non è certa, ovviamente: si vede che anche la “astrattezza” di una politica regionale che lascia in coda alla legislatura – a ridosso delle elezioni - decisioni importanti sul futuro di un ente prezioso, qualche limite imposto dalla legge ce l'ha.

 

LEGGI ANCHE:      

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Agostino Pantano
Giornalista
Agostino Pantano, giornalista professionista, 43 anni, vive a San Ferdinando. È stato corrispondente dei quotidiani Gazzetta del Sud e Il Domani della Calabria. Dal 2006 al 2010 ha diretto la redazione di Gioia Tauro di Calabria Ora. Con altri colleghi, usciti dal giornale per contestare la linea editoriale, ha fondato Il Corriere della Calabria, un periodico e un sito on line per cui ha lavorato come redattore. Ha collaborato con Le Cronache del Garantista e L’Unità. Ha diretto il mensile A Sinistra e la Web Tv Pianainforma.   Dal 2010 al luglio 2016 è stato al centro di un caso giudiziario tra i più gravi nella storia del giornalismo italiano: processato due volte per la sua inchiesta sullo scioglimento per mafia del consiglio comunale di Taurianova, e in un caso per il reato di “ricettazione di notizie”, è stato assolto in entrambe le occasioni.   È componente del Consiglio nazionale dell’Unci (Unione nazionale cronisti italiani). È iscritto all’associazione “Articolo 21”. E’ laureato in Scienze Politiche con una tesi sulla storia del V° Centro siderurgico di Gioia Tauro.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio