Crotone, FI contro Sacal e Regione: «Paradossale pagare per tenere aperto lo scalo»

VIDEO | Il coordinatore provinciale forzista, nonché consigliere comunale pitagorico, Sergio Torromino, rilancia la questione aeroportuale: «Perchè i comuni devono finanziare la società?». Intanto, l'impianto crotonese non appare negli ultimi dati di Enac e Assoaeroporti

di Giuseppe Laratta
11 settembre 2018
12:28
29 condivisioni

Non si placano le polemiche intorno all'aeroporto: a intervenire è il coordinatore provinciale di Forza Italia, nonché consigliere comunale di Crotone, Sergio Torromino. L'esponente forzista punta il dito contro la Sacal e la Regione, affermando l'assurdità - da parte della società di gestione - nel pretendere il versamento di 1 milione di euro all'anno, trattenuti direttamente dall'ente regionale sulle royalties che spettano ai comuni costieri per le annualità 2016/2017/2018, mentre gli altri comuni hanno deciso di investire 240mila euro affinché l'aeroporto di Crotone continui a operare con un solo volo, e la prospettiva futura di un altro collegamento.

 

«Una provincia che deve pagare affinché la società tenga aperto lo scalo! - dichiara Torromino in una nota - Ci viene da chiedere com'è mai pensabile che dei Comuni finanzino con cifre consistenti una società che ha vinto un bando internazionale e che deve farsi carico di ogni onere affinché lo scalo sia perfettamente funzionante, a che titolo non essendo neanche parte della società stessa? Non solo ciò è paradossale, perché si va a finanziare senza averne titoli una società con soldi pubblici, ma è mortificante nei confronti dei cittadini che si sentono considerati di serie B, anche in via del fatto che su Reggio ciò non è stato preteso. La società aggiudicataria dovrebbe farsi carico dello scalo in tutto e per tutto e se invece non ha interesse a gestirlo che vi rinunci». Forza Italia, continua la nota, si chiede se tutto ciò sia giusto, e sta valutando anche l'ipotesi di depositare una denuncia formale alla magistratura affinché indaghi su quanto succede in Calabria.

 

In tutto questo si registra un'altra stranezza: lo scalo di Crotone è scomparso dai radar di Enac e Assoaeroporti. L'Ente per l'Aviazione Civile ha pubblicato i dati del traffico aereo riguardanti il primo semestre 2018, relativi – dunque – al periodo che va dal 1 gennaio al 30 giugno. Crotone non è pervenuto, nonostante lo scalo sia aperto dalla fine dello scorso anno e i voli attivi dall'1 giugno. La stessa situazione la si ritrova nelle statistiche riportate dall'Associazione Italiana Gestori Aeroporti: il Pitagora non c'è. Un'assenza abbastanza strana, nonostante lo scalo crotonese abbia registrato nei primi due mesi di attività volativa circa 34mila presenze.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Giuseppe Laratta
Giornalista

Giornalista pubblicista dal 2015, inizia a muovere i primi passi a 16 anni approdando a Radio Studio 97, emittente radiofonica a copertura provinciale, in qualità di regista, speaker e dj, c...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio